I laghi di Monticchio, un’oasi di pace

di Redazione
Basilicata
|
Laghi
|
Parchi e natura
|
Ai piedi delle pendici boscose dell’antico vulcano del monte Vulture, ecco una gita fuori porta alla scoperta di due piccoli laghi separati appena da una sottile striscia di terra. Perfetti per un momento di relax nella natura, per una passeggiata fino all’abbazia di San Michele Arcangelo, o per un’escursione verso la cima.

L’ambiente dei laghi

Le antiche bocche del cratere del vulcano ora inattivo, sono oggi occupate dai laghi di Monticchio, due specchi d’acqua tondeggianti a circa 650 metri di quota, circondati da boschi di faggi, pioppi e ontani neri, e divisi da un istmo di terra; il lago Grande con la sua colorazione olivastra e oltre due chilometri di perimetro, raggiunge i 38 metri di profondità, mentre il lago Piccolo, poco più della metà, ha un colore più intenso ed è alimentato da sorgenti subacquee. L’intera zona è protetta dalla riserva naturale regionale del Lago Piccolo di Monticchio.
Macchina fotografica o telefono alla mano perché nel periodo estivo potrete ammirare le ninfee fiorite che galleggiano sulla superficie dell’acqua e, nei boschi tutto intorno avvistare caprioli, falchi e gufi; se siete davvero fortunati, poterete perfino incontrare la Bramhea Europea, una farfalla molto rara che vive solo in questa zona del continente.

Cosa fare e vedere ai laghi di Monticchio

I laghi sono il cuore di un’oasi di pace perfetta se cercate il contatto con la natura, l’intensità dei profumi e il fresco del bosco. Potete accontentarvi di contemplare il paesaggio dalle panchine lungo le rive oppure affittare un pedalò o approfittare delle gite in barca per una breve escursione sull’acqua.
Se volete semplicemente sgranchirvi le gambe, potete passeggiare nel bosco di conifere fino all’abbazia di San Michele, scavata nel tufo nei pressi di una delle grotte anticamente abitate dai monaci basiliani. Sarete premiati con una bella vista sui laghi ma potrete anche visitare il Museo di Storia Naturale del Vulture, in cui trovare informazioni sulla geologia dei laghi e sulla fauna della zona; accanto alla badia, potrete vedere la grotta dell’Angelo San Michele con le pareti impreziosite da dipinti del XI secolo.
Se è la storia ad appassionarvi, nei pressi dell’istmo sono visibili i ruderi dell’abbazia di Sant’Ippolito, del XI/XII secolo, probabilmente abbandonata dai monaci benedettini nel 1456 a causa di un terremoto. Se il contatto con la natura vi scatena la voglia di fare, la proposta perfetta è il trekking: dai laghi parte infatti il sentiero che raggiunge la cima del monte Vulture con il rifugio omonimo a un’altitudine di 1283 metri. Il tracciato copre un dislivello di poco più di 500 metri e richiede circa 3 ore di percorrenza; presenta qualche tratto ripido e può essere percorso anche in MTB solo se siete esperti e convinti di voler superare alcune difficoltà.

Per chi viaggia in camper

Area sosta libera, in prossimità dei laghi (vicino alle aree picnic).

 

Informazioni per visitare i laghi di Monticchio

BasilicataTuristica
www.basilicataturistica.it

Cerca altre METE

Scopri le nostre proposte per il weekend in tutta Italia

Cerca altre IDEE

Al mare, in montagna, turismo attivo, di fede, in camper e molto altro ancora

Potrebbe interessarti anche

idee per il tuo weekend?

Lasciaci la tua e-mail
Ogni settimana riceverai le nostre proposte