Un giro alle Salse di Nirano

di Redazione
Emilia Romagna
|
Collina
|
Parchi e natura
|
Boschi, prati e laghetti ma, soprattutto, una conca dall’aspetto lunare in cui passeggiare tra minuscoli vulcani, quelli delle Salse di Nirano.

Avete mai visto un vulcano alto come voi? Se la risposta è “no”, preparatevi a scoprire le Salse di Nirano e la loro natura millenaria, che riuscirà a incantarvi. Il giro a piedi tra i coni è un’esperienza piuttosto unica che vi riempirà di curiosità e che potrete proseguire tra i boschi e gli specchi d’acqua dell’area protetta.

Quattro numeri sulla riserva

Istituita nel 1982, la riserva naturale delle Salse di Nirano tutela un’area relativamente piccola, di circa 200 ettari, tra i torrenti Fossa e Chianca, a una quota compresa tra i 150 e i 300 metri. Oltre a preservare la natura e le specie che la abitano, ne favorisce la fruizione didattica e scientifica.
Il paesaggio è davvero sorprendente e vi aspetta sulle prime colline di Fiorano modenese a un passo dal borgo di Maranello, famoso nel mondo per il rosso Ferrari. La conca in cui si trovano i piccoli crateri evoca una natura primordiale in cui i cumuli di terra grigia si alzano circondati dalle loro colate come tanti minuscoli vulcani perennemente in eruzione.

Cosa fare e vedere nella riserva delle Salse di Nirano

Lasciate l’auto in uno dei parcheggi e raggiungete a piedi il centro visite Ca’ Tasso. Qui – ma anche lungo la strada – hanno inizio i percorsi e le passerelle che permettono di avvicinarsi a questo insolito ambiente e scoprire i curiosi coni di terra e il loro sordo brontolio che culmina con la fuoriuscita del liquido dalle bocche sommitali. Si tratta a tutti gli effetti di un fenomeno eruttivo ma i piccoli crateri devono la loro origine alla risalita di acqua salata e fango che emergono sotto la spinta esercitata dai gas lungo le faglie. Nulla di bollente o pericoloso, quindi. Nella riserva vedrete coni di altezze e dimensioni diverse: da pochi centimetri a quasi due metri in relazione all’attività in corso e alla densità della miscela.
Per esplorare l’area esistono diversi percorsi, 13 in tutto; si tratta di itinerari che richiedono da 30 minuti a 2 ore circa e sono decisamente alla portata di tutti. Alcuni di questi sono percorribili anche da chi presenta disabilità e dalle persone ipovedenti. Se volete cimentarvi in un itinerario lungo, scegliete la Via dei Vulcani di Fango che si estende per oltre 60 km e, attraversando 6 comuni, collega diverse zone interessate dai fenomeni delle salse collegando tra loro anche diverse emergenze naturalistiche e culturali.
Anche se certamente meno scenografico, un altro motivo di grande interesse è la presenza della Puccinellia fasciculata, una graminacea solitamente diffusa lungo le coste, la cui presenza da queste parti risulta piuttosto rara ed è dovuta all’elevata salinità che ritrova nei fanghi della zona. Se amate gli animali potrete fare qualche incontro con lepri e volpi oltre che con i numerosi uccelli ma, se sarete davvero fortunati, potrete avvistare perfino lupi o cervi che sembrano visitatori occasionali della riserva.

Potrete accedere all’area liberamente o prenotare una visita guidata. In ogni caso vi consigliamo di evitare le calde giornate d’estate perché nella zona che ospita i vulcani c’è alcun riparo dal sole, ma anche le giornate piovose o quelle subito successive in cui il terreno risulta fangoso.

Per chi viaggia in camper

Fiorano Modenese (MO)
Area attrezzata in Via Cameazzo 6
Servizi: acqua, pozzetto scarico e elettricità. Servizi a pagamento. Apertura annuale, area illuminata e recintata. Wifi gratuito

 

Informazioni per visitare le Salse di Nirano

Fiorano Turismo
www.fioranoturismo.it

Cerca altre METE

Scopri le nostre proposte per il weekend in tutta Italia

Cerca altre IDEE

Al mare, in montagna, turismo attivo, di fede, in camper e molto altro ancora

Potrebbe interessarti anche

idee per il tuo weekend?

Lasciaci la tua e-mail
Ogni settimana riceverai le nostre proposte