La natura selvaggia dell’oasi di Boscoforte

di Luca Beretta
Emilia Romagna
|
Parchi e natura
|
Pianura
|
Immaginate di esplorare una lingua di terra che si protende esile nel blu delle valli di Comacchio. Immaginate di essere avvolti dai mille richiami della sua natura e cullati dal vento che agita le criniere dei cavalli bradi. Adesso aprite gli occhi: siete nell'oasi di Boscoforte!

Tra le province di Ferrara e Ravenna, a un passo dal mare Adriatico che soffia la sua aria salmastra sulle valli di Comacchio e tra i canali del vicino borgo, l’oasi di Boscoforte occupa una sottile penisola in cui scoprire a passo lento la natura incontaminata e gli animali del parco del Delta del Po.

Dettagli che preparano

Si fa presto a dire che l’oasi di Boscoforte “è un posto speciale” eppure è proprio così! Lo capirete fin da subito quando, superate le case di Sant’Alberto, potrete attraversare il corso del fiume Reno grazie al piccolo traghetto a fune che con aria nostalgica e nessuna fretta, vi lascerà sulla riva opposta. È lì che, oltre l’argine, inizia lo sterrato solitario e assolato che costeggia le valli fino al cancello sui cui campeggia la scritta Bosco Forte; oltrepassarlo sarà come superare l’ingresso di Jurassic Park.

A piedi nell’oasi di Boscoforte

Lo sterrato prosegue ancora ma sarete in un mondo diverso che si allunga sottile per quasi 6 km parallelo all’argine Agosta e alla costa, in un ambiente ricchissimo di biodiversità per la presenza di acqua dolce e salmastra. Vi aspettano 40 specie di avifauna che hanno scelto di abitare questa penisola segreta perciò, binocolo obbligatorio e macchina fotografica da non dimenticare!

La visita all’oasi di Boscoforte, bella quanto fragile, non può essere svolta in autonomia ma solo accompagnati dalle guide ambientali che sapranno raccontarvi i diversi ambienti che la caratterizzano e aiutarvi nell’avvistamento dei molti animali che la popolano. Gli animali sono certamente il primo motivo di attrazione; in silenzio, se non vorrete perdervi nulla, potrete appostarvi per ammirare i tanti uccelli ma anche stupirvi alla vista dei cavalli bianchi Delta/Camargue che vivono nella riserva allo stato brado. Se deciderete per un giro in primavera o in autunno sarà più facile avvistare la grande colonia di fenicotteri rosa.

Da vedere nei dintorni

Siete quasi a metà strada tra Comacchio e Ravenna. Se volete continuare il giro nella natura, potete estendere l’itinerario puntando verso nord per un anello attorno a valle Fattibello o per una passeggiata proprio tra i canali di Comacchio. Se volete invece cambiare completamente orizzonte, viaggiate verso sud fino a Ravenna per scoprire i meravigliosi mosaici patrimonio UNESCO.

Informazioni per visitare l’oasi di Boscoforte

Oasi di Boscoforte
www.vallidiargenta.org

Cerca altre METE

Scopri le nostre proposte per il weekend in tutta Italia

Cerca altre IDEE

Al mare, in montagna, turismo attivo, di fede, in camper e molto altro ancora

Potrebbe interessarti anche

idee per il tuo weekend?

Lasciaci la tua e-mail
Ogni settimana riceverai le nostre proposte