Un giro all’abbazia di Vezzolano

di Redazione
Piemonte
|
Collina
|
Luoghi di fede
|
Nel sinuoso ondeggiare verde delle colline astigiane, quasi a un passo dall’elegante Torino, si trova un piccolo grande gioiello d’arte: l’abbazia di Vezzolano. Meta ideale per una breve gita fuoriporta tra storia e gusto, ma anche occasione per passeggiare tra vigneti e frutteti.

Da qualunque parte si arrivi, lasciata la strada principale, ci si tuffa in un mondo di curve, campi e colline che si alternano al verde dei boschi. Si inciampa presto nel fascino delle colline astigiane con i loro profumi e un paesaggio unico. Proprio come quello che si ammira una volta raggiunto il piccolo comune di Albugnano che ospita l’antica abbazia di Vezzolano. Il piccolo parcheggio raccoglie un numero contenuto di auto e si trova proprio al termine della strada; più avanti si può certamente andare, ma solo passeggiando tra le vigne e i boschi, sui sentieri e i tratturi che collegano i colli circostanti.

Cosa vedere all’abbazia di Vezzolano

Pochi passi in discesa su uno stradello ombreggiato dai cipressi e sarete a fianco del campanile e al cospetto della facciata della chiesa che sorge in un luogo abitato fin dall’antichità. L’abbazia viene infatti citata per la prima volta in un atto d’investitura del 1095 facendo supporre che sia nata come cappella di un castello, forse utilizzando anche i resti di una villa rustica romana.
La chiesa conserva la bellissima facciata romanica in cotto e arenaria, eretta in stile lombardo nel XII secolo e rielaborata nel XIII; sul fianco le fa da scudiero un robusto campanile romanico, ornato di archetti intrecciati. L’interno è a due navate divise da pilastri che sorreggono archi acuti e volte a crociera.
Decisamente straordinario è l’ambone, sorretto da cinque archi ogivali e abbellito da un bassorilievo a due ordini che raffigura, nella parte inferiore, i 35 patriarchi antenati di Maria e, nella parte superiore, la deposizione del corpo di Maria, la sua Assunzione e il suo Trionfo in cielo, oltre ai simboli evangelici. Sull’altare si può ammirare un trittico gotico in terracotta policroma. Dalla raccolta chiesa si passa al chiostro, armonioso e suggestivo, con i notevoli resti di affreschi dei secoli XIII-XIV che rappresentano Cristo fra i simboli degli Evangelisti, l’adorazione dei magi e la leggenda di Carlo Magno e degli scheletri usciti dal sepolcro. Nell’angolo adiacente all’ingresso del chiostro si trova l’ingresso alla sala capitolare.

Tra storia e leggenda

Fu Carlo Magno a far edificare l’abbazia? La leggenda narra che nel 773, mentre l’imperatore partecipava a una battuta di caccia tra questi boschi, incontrò tre scheletri che lo terrorizzarono e dai quali si salvò solo grazie all’intervento di un eremita che lo invitò a rivolgersi a Maria Vergine con alcune preghiere… E fu così che, scampato al pericolo, volle la costruzione della chiesa abbaziale.

Passeggiare nei dintorni

Poco dislivello, 2 km di lunghezza per un’ora (scarsa) di passeggiata. Nelle vicinanze dell’abbazia di Vezzolano c’è spazio anche per respirare la natura o farsi venire il giusto appetito prima di mettere le gambe sotto al tavolo. Il percorso degli antichi frutteti è una di queste proposte, assolutamente alla portata di tutti: partite dall’abbazia di Albugnano raggiungendo il frutteto dell’azienda agricola sperimentale del Cnr in cui vengono coltivate piante officinali e frutta, tra cui antiche varietà di pere e mele. Camminate in discesa fino a un secondo frutteto e a un grande prato con una meravigliosa quercia, da cui si gode di un’inusuale vista su complesso abbaziale; da qui chiudete l’anello in leggera salita passando per l’antico meleto fondato dai monaci.

Sosta di gusto

Se non siete ancora sazi del luogo, tornate verso il parcheggio; non per andarvene, ma per sedervi a gustare questi luoghi anche a tavola. Spartano e autentico come i suoi piatti, il bar ristoro dell’abbazia è più una piccola trattoria che un bar. Perfetto per una sosta golosa, con piatti semplici e genuini, gestione familiare e una bellissima terrazza. Noi vi consigliamo i cannelloni, i tomini e un buon dolce. Posto ottimo per riempire di gusto la gita e non ferire il portafoglio.

 

Informazioni per visitare l’abbazia di Vezzolano

Abbazia di Santa Maria di Vezzolano
www.vezzolano.it

Associazione InCollina, turismo nel cuore del Piemonte
www.turismoincollina.it

Bar Ristoro dell’Abbazia
www.facebook.com

Condividi l'articolo su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Cerca altre METE

Scopri le nostre proposte per il weekend in tutta Italia

Cerca altre IDEE

Al mare, in montagna, turismo attivo, di fede, in camper e molto altro ancora

Potrebbe interessarti anche

idee per il tuo weekend?

Lasciaci la tua e-mail
Ogni settimana riceverai le nostre proposte