Tra le mura di Soave

Dal possente castello sul colle scendono le mura che proteggono per intero il borgo di Soave. Niente di meglio per una giornata tra relax e gusto da concludere assaggiando un buon vino DOC proveniente dai vigneti tutt’intorno.

L’espressione latina nomen omen, traducibile in “un nome, un destino” sembrerebbe calzare a pennello per Soave; per la bellezza del borgo, del paesaggio che lo circonda con le dolci colline coltivate a vite e, non ultimo, per il sapore dei suoi vini… Eppure, nel caso di Soave, il condizionale è d’obbligo. Pare infatti che il termine derivi dal popolo dei Suaves, ovvero gli Svevi (conosciuti in italiano antico come i Soavi). E, considerato il ceppo germanico-barbaro da cui provenivano, proprio soavi non dovevano essere…
La posizione geografica dell’abitato fu di certo strategica fin dai tempi dei Romani. Stretta tra le valli dei torrenti Illasi a ovest e Alpone a est, si collocava esattamente lungo la Via Postumia, edificata nel 148 a.C. per collegare due importanti porti del Nord Italia: Genova e Aquileia. Di certo la storia, dal Medioevo ai Della Scala, ci ha lasciato un borgo fortificato e il meraviglioso castello Scaligero.

Cosa vedere a Soave

Per visitare Soave lasciate l’auto in uno dei parcheggi a ridosso delle mura o, se siete in camper, nell’area di via Mere, comoda per l’ingresso al borgo. Partendo da piazza Foro Boario, valicate la cortina merlata attraverso porta Verona scegliendo dei tre archi, quello più a destra che immette in via Roma in cui passeggiare tra negozietti e botteghe fino a raggiungere il cuore del borgo. Sulla sinistra, incontrerete il Duomo consacrato a San Lorenzo che risale al XIV secolo anche se si datano all’Ottocento l’ampliamento e la facciata rinascimentale. Poco oltre raggiungerete piazza dell’antenna e sarete di fronte al palazzo di Giustizia, del 1375 riconoscibile per la loggia e i quattro portoni ad arco acuto, voluto da Cansignorio della Scala. A destra avrete gli archi di palazzo Cavalli in stile gotico veneziano, un tempo interamente affrescato mentre proseguendo raggiungerete le mura sul lato opposto; avrete così attraversato per intero l’antico asse cittadino e sarete davanti alla torre merlata di porta Aquila.

Il castello Scaligero

Raggiunto il palazzo di Giustizia prendete a destra per salire verso il castello; di origine medievale, domina dal monte Tenda l’abitato di Soave e crebbe di importanza e prestigio sotto gli Scaligeri che si occuparono di restaurarlo. Si compone di un’alta torre (il mastio) attorno alla quale si snodano le mura che chiudono tre cortili di forma e dimensioni diverse. Entrate nel primo cortile dal ponte levatoio; opera della Serenissima, ospita i resti di una piccola chiesa a tre absidi (X sec.). Una porta sormontata da una torre consente il passaggio al secondo cortile, detto “della Madonna” per l’affresco che lo decora; questo è il più ampio e presenta tracce di edifici probabilmente adibiti ad alloggi per i soldati. Il terzo cortile è il più piccolo ma anche il più elevato, con un pozzo nel centro; su un lato ammirate il palazzo del Corpo di Guardia (che custodisce una collezione di armi) e l’imponente mastio. Una scala esterna consente di arrivare all’abitazione del Signore, con una stanza centrale, la camera da letto e quella da pranzo, riccamente affrescata. Da qui arriverete al camminamento di ronda e al mastio da cui godrete di una vista spettacolare.

Non andatevene senza…

Un’ultima tappa se siete a spasso con i bimbi: nel parco comunale adiacente a piazza Foro Boario è possibile visitare il museo del Gioco con una biblioteca, una zona espositiva per viaggiare nella storia dei balocchi, e uno spazio dedicato ai laboratori e alle attività ludiche dove i piccoli potranno giocare e i più grandi scoprire di non essere mai cresciuti davvero. Per chiudere la giornata con gusto, fermatevi nei ristorantini del centro: d’obbligo è sicuramente un assaggio di Soave DOC proveniente dalle vigne attorno alle mura, le stesse che saranno ancora bel visibili da lontano, quando imboccherete l’autostrada.

 

Per chi viaggia in camper

Soave
Area sosta in Via Mere (adiacente caserma dei Carabinieri)
Servizi: acqua, pozzetto scarico, illuminazione, elettricità

 

Informazioni per visitare Soave

Ufficio Turistico Comune di Soave
www.soaveturismo.it

Castello di Soave
www.castellodisoave.it

Altri luoghi in Veneto

Il mistero della laguna

Il mistero della laguna

L’aria salmastra, i canali, i casoni, e le piccole barche. Un paesaggio in cui la natura è protagonista e un antico borgo di pescatori con le case dalle persiane colorate e spiagge lunghissime. Ecco lo scenario del nostro racconto per viaggiare con la fantasia e, intanto, preparare lo zaino.

Battello lago di Garda: Malcesine
In battello sul lago di Garda

In battello sul lago di Garda

Scivolare sulla superficie dell'acqua a bordo di un battello è di sicuro il più originale tra i modi "normali" per gustarsi il lago di Garda, dove ammirare dall’acqua pareti strapiombanti e dolci colline, severi castelli e borghi che profumano di sole e limoni...

Cosa vuoi fare?