Otranto, la città vecchia e le spiagge

Il mosaico della cattedrale, le sale del castello aragonese, i vicoli e le splendide balconate sul mare azzurrissimo. Imperdibile destinazione dell’estate in Salento, la cittadina è ancora più godibile nelle mezze stagioni quando la luce e i profumi del Sud sono più intensi. 

Sapete qual è il punto più a est d’Italia, quello che vede il primo raggio di luce ogni mattina? È Otranto, lungo la costa adriatica pugliese, dove il sole sorge dal mare. Da vedere almeno una volta nella vita!
Racchiusa dalla cerchia di bianche mura, la città vecchia è avvolta da grande fascino. Bella di giorno, quando il sole riflette il candore delle case e della pietra leccese, è ancora più suggestiva di sera, con le luci dorate e la risacca quieta del mare che accompagna il chiacchiericcio delle strade. Tra le più visitate del Salento, Otranto è splendida anche nella mezza stagione, quando è meno affollata e i colori della natura sono sgargianti.

Tra i vicoli di Otranto

Il giro nella città vecchia ha inizio dalla cattedrale dedicata all’Annunziata, la cui consacrazione risale al 1088, al centro del famoso episodio della “Presa dei Turch” il 12 agosto del 1480 quando si consumò la decapitazione degli 800 martiri di Otranto; una cappella ne custodisce le ossa e la pietra sulla quale si racconta avvenne l’eccidio. Uno spettacolare mosaico, che rappresenta l’albero della vita, occupa tutta la pavimentazione della chiesa, illustrando principalmente scene tratte dalle Sacre Scritture. Scendete anche nella cripta, formata da oltre settanta colonne marmoree singolari, una diversa dall’altra, che la separano in nove navate.
Il castello aragonese è invece il centro culturale, vivace contenitore di eventi e mostre. Ricostruito dopo il 1481, anno della rinascita della città, ha una struttura quadrangolare, un profondo fossato sormontato da un ponte levatoio – oggi in muratura – e alcune sale caratteristiche per forma e tecnica architettonica.
Altro gioiello nascosto nei vicoli del centro storico è la chiesetta di San Pietro; potete accedervi salendo una piccola scalinata che sale da piazza del Popolo. La struttura è molto piccola, con pianta a croce greca e le pareti ricoperte di affreschi del periodo bizantino, di poco successivi rispetto alla sua costruzione del IX-X secolo.
Gli scatti fotografici migliori, con l’acqua cristallina che diventa blu in lontananza, si fanno dal Bastione dei Pelasgi, costeggiando da un lato i torrioni del castello e dall’altro il porticciolo. La cittadina si visita sostanzialmente in poco tempo ma è tutta da scoprire, in ogni angolo che da lontano ritaglia spicchi di vista sul mare.

Il mare

Terminato il giro nel centro storico, concedetevi un pò di relax sulla spiaggia. Per un tuffo nel mare blu del Salento dovrete lasciare la città vecchia e risalire in direzione nord sul litorale adriatico verso Torre dell’Orso e San Cataldo. Quelle più note sono i Laghi Alimini, uno dei punti più suggestivi, con una grande pineta che arriva a ridosso del mare, e la Baia dei Turchi, il cui accesso è segnalato sulla strada litoranea. 

Per chi viaggia in camper

Otranto
Area attrezzata Oasy Park, Via Renis
Tel. 0836.80.22.26, 339.86.19.299
www.oasypark.com
Servizi: acqua, pozzetto scarico, illuminazione, elettricità, servizi igienici, docce (acqua fredda), ammessi animali. Apertura annuale

Parcheggio Belmonte, c/o Laghi Alimini
Strada Provinciale 366 Litoranea
Servizi: acqua, pozzetto scarico, elettricità, servizi igienici, docce

Informazioni per visitare Otranto

Comune Otranto
www.comune.otranto.le.it 

Altri luoghi in Puglia

Cosa vuoi fare?