Capri in un weekend

Solo un braccio di mare separa la punta della costiera amalfitana da una delle perle del golfo di Napoli. Capri e Ischia a un passo dalla riva, sono per molti stranieri la meta di un viaggio; per noi fortunati, un’ottima occasione per un weekend di sole, mondanità e gusto, perché no, a contatto con la natura.

Faraglioni, piazzetta, caprese. Capri è un concentrato di bellezza. Naturalistica prima di tutto, e lo noterete da qualunque direzione decidiate di arrivare, con i tranquilli battelli o i veloci aliscafi, da Napoli o da Salerno, se sceglierete di gustarvi anche il panorama sulla costiera amalfitana. Mare cristallino, scogli e grotte segrete vi aspettano. Poi inizierete a sentirne i profumi e il gusto autentico, tra una Caprese e un bagno di sole, per finire a gustarvi il tramonto sul mare e un po’ di vita notturna…

Muoversi sull’isola

Una volta sbarcati scoprirete che l’isola è da girare con calma. Non solo perché la circolazione è interdetta alle auto per gran parte dell’anno, ma perché solo così riuscirete a sentirne tutto il gusto e il calore. Già al porto troverete ad aspettarvi dei taxi unici; i loro tendalini sostituiscono alla perfezione il tetto, che qui serve davvero a poco. Mare, profumi e panorami sono da gustare cabrio. Se poi vorrete il massimo della tradizione, ci sono i colorati Apecalessino che, dalla loro nascita nel 1950, rappresentano una delle chicche italiane in fatto di trasporti. Affidatevi agli autisti, guide veraci per iniziare il giro con il piede giusto. Dalla Marina Grande potrete salire al cuore di Capri anche con la graziosa funicolare che si arrampica tra le limonaie, mentre per spostarvi liberamente sull’isola usate i bus, piccoli e agili, abituati a muoversi in questo mondo particolare. Vi garantiamo che arriverete a destinazione con un servizio efficiente, anche quando vi sembrerà di cadere da un tornante o rimanere per sempre bloccati tra le pareti di un vicolo… Se desiderate arrivare molto in alto, diciamo ai quasi 600 metri del monte Solaro, non vi resta che sedervi sulla seggiovia ad Anacapri per un tragitto di pochi minuti con le gambe a penzoloni; se invece vi piace l’idea di vedere l’isola dal basso, troverete da noleggiare canoe e gommoni o perfino i tipici gozzi sorrentini. Ma anche i motoscafi, naturalmente, con e senza conducente. I più sportivi di voi potranno invece colmare a piedi le distanze; in genere sono accessibili e l’unico “nemico” potrebbe essere il caldo.

Cosa vedere a Capri

Salite alla Piazzetta: è l’unica di cui non serve pronunciare il nome completo; la piazzetta è “lei” in qualunque luogo del mondo vi troviate. Eccovi dunque nell’affollato ma esclusivo salottino dell’isola, quello assolato e frequentato da personaggi più o meno famosi; sedetevi tra il vociare per un immancabile caffè o un aperitivo, e poi spostatevi di pochi passi per ammirare un panorama unico. Se siete appassionati di shopping, proseguite per via Camerelle tra le vetrine dei marchi più prestigiosi e, magari, consumate un po’ la vostra carta di credito. Se non vedete l’ora di scorgere i faraglioni proseguite spediti per via Tragara fino al belvedere…
Capri è anche un’isola mondana dove il divertimento si snoda tra discoteche, bar, ristoranti, locali alla moda e la movida notturna continua fino a mattino inoltrato. Iniziate la serata con l’aperitivo in Piazzetta e, verso mezzanotte, andate in uno dei locali notturni che qui sono spesso frequentati anche da star del cinema mondiale, soprattutto nel periodo del Film Festival.

I Giardini di Augusto

Capri è sospesa tra bellezza e magia tanto che anche voi come Ulisse potrete restare ammaliati dalle sirene; ma forse potrebbe bastarvi una visita ai giardini di Augusto per gustare un altro aspetto della natura e un angolo diverso da cui vedere i faraglioni e la Via Krupp dall’alto. Per raggiungerli, dalla piazzetta, passeggiate lungo via Vittorio Emanuele, via Serena e via Matteotti.

La Via Krupp

Tra i tornanti più belli al mondo: ripidi, stretti e affascinanti, risultato della caparbietà (o del capriccio) di un industriale tedesco di inizio ‘900 che fece tagliare nella roccia questa strada per colmare il dislivello tra Marina Piccola – dove era solito attraccare – e il suo alloggio sull’isola. Attualmente (2020) la via si può vedere solo dai Giardini di Augusto in quanto chiusa per pericolo di caduta massi.

Anacapri

Il secondo comune dell’isola è meno conosciuto di Capri ma quasi altrettanto pittoresco. Strette vie, davanzali fioriti, chiesette e gente accogliente da incontrare con una passeggiata a piedi. Particolare curioso è la Casa Rossa dove sono conservate le statue di origine romana rinvenute nella grotta Azzurra. Prendete la seggiovia che vi porterà sul monte Solaro da cui si gode una splendida vista che abbraccia l’isola e il golfo di Napoli; scendendo visitate il museo di Villa San Michele, dove sono conservati numerosi reperti archeologici di epoca romana e una piccola sfinge, che vi indica il fantastico belvedere dalla terrazza.

La grotta Azzurra

Una giornata potrete dedicarla esclusivamente all’acqua: con un giro in barca e una tappa immancabile alla famosissima grotta Azzurra se il mare sarà abbastanza calmo da consentirla. Protetta da un ingresso alto poco più di un metro, vi troverete in un luogo magico con il fondale tinto di azzurro intenso e sfumature argentee. Con un passaggio tra i faraglioni, che dal basso sono ancora più imponenti, sarete pronti fare rotta verso punta Carena con il suo faro. Strutture balneari e bar vi aspettano per una giornata di mare esclusiva o per assistere al più rosso dei tramonti magari durante una cenetta a lume di candela. E se il mare è grosso? Niente paura, arrivate al faro via terra e godetevi le onde frangersi sulle rocce, pronti per tornare a Capri il prossimo weekend!

 

Informazioni per visitare Capri

Azienda Autonoma Cura Soggiorno e Turismo Isola di Capri
www.capritourism.com
 

Altri luoghi in Campania

Fine settimana a Napoli: tramonto sul mare
Fine settimana a Napoli

Fine settimana a Napoli

Un weekend per scoprire Napoli! Solare, verace, fin troppo vivace. Splendida e caotica, sfacciata e gioviale. Moderna e antichissima, popolare, popolana e dignitosa. Così è questa città dai contrasti fortissimi, che ti avvolge coi suoi tentacoli. E chi se ne va più?!?

Cosa vuoi fare?