TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Orvieto in un weekend

Sopra e sotto la rupe

Sospesa sulla rupe, affacciata sulla valle poco prima che il corso del Paglia si fonda con le acque del Tevere, la città etrusca è una meta che affascina sempre, piacevole per una passeggiata di poche ore o per un intero, lungo weekend.

Per decenni, Orvieto è stata la classica meta da gita scolastica. Tutti dentro il Duomo, quel capolavoro gotico-romano a fasce bianche e nere, con gli affreschi del Signorelli; poi tutti al Pozzo di San Patrizio, ad assecondare l'aura di magia, e poi alla Torre del Moro, che svetta sulla città dai suoi 47 metri di altezza. Orvieto non cambia mai.

Da non perdere

Il Duomo, definito il giglio d'oro delle cattedrali, resta enorme, come lo si vede da bambini, tanto che per inquadrare tutta la splendida facciata bisogna allontanarsi parecchio: il trittico scintillante di oro e mosaici ha richiesto quasi tre secoli per essere completato. Il Pozzo di San Patrizio, formidabile opera di ingegneria idraulica, si spinge a una profondità di 54 metri, il cui fondo è raggiungibile con una doppia rampa elicoidale, creata per non far incontrare chi scende - un tempo i muli che trasportavano l'acqua - con chi sale. Ai nostri giorni, una curiosità irresistibile ci spinge a ignorare la fatica di scendere laggiù, gettare la monetina di rito e giocare con l'eco delle nostre voci. La passeggiata continua tra storia e architetture; dalle forme barocche del Seicento che si ritrovano nelle chiese di Sant'Agostino e della Madonna della Cava, si passa ai palazzi signorili, tanti e dai nomi ridondanti, come Palazzo dei Signori Sette, occupato al tempo da quello che fu considerato la quarta faccia del potere, cioè quello economico delle arti, accanto alle altre tre, rappresentate dai vescovi, dal podestà e dai capitani del popolo. A loro erano destinati il Palazzo Vescovile, accanto al duomo, il Palazzo Comunale e il Palazzo del Popolo, sulla magnifica piazza che ancora oggi ospita il mercato. Colorano le vie del centro le botteghe di artigianato, che sembrano subito diverse dai soliti negozietti di souvenir per turisti. Legno e merletti, ceramica e cuoio abilmente lavorati da uomini e donne pazienti e tenaci, che non baratterebbero mai un buon oggetto fatto a mano con dispendio di ore e fatica, con l'immenso repertorio sempre disponibile delle lavorazioni in serie.

La città sotterranea

C'è poi, forse più intrigante, la città sotterranea, Orvieto Underground, appunto: 2500 anni di storia vengono riproposti, sotto la rupe, in un agevole percorso nella città etrusca scavata nel tufo. Dev'essere stata la necessità di fermare l'acqua del sottosuolo e raccoglierla in cisterne, ad avere indotto una civiltà lontanissima a ricavare nel tufo una vera e propria città ipogea speculare a quella in superficie, che si sviluppa tra 1200 grotte e cantine per la fermentazione del vino, cisterne per l'acqua, frantoi e forni per le ceramiche. La città sotto la rupe è visitabile con una guida tutti i giorni meno Natale, a orari fissi (dura circa un'ora), partendo da Piazza Duomo. Sotto terra, il Museo delle Maioliche ripropone, nello stesso luogo in cui sono stati creati, lavori medievali e rinascimentali. Si osservano lì, accanto alle antiche fornaci, in un'atmosfera intensa e fuori da ogni tempo.

Se vi piace l'archeologia

Procuratevi la Carta unica, che serve per accedere ai musei, e programmate il vostro tour: partite dal Museo Archeologico Nazionale e dal Museo Archeologico Carlo Faina, in Piazza Duomo. Visitate la Necropoli del Crocifisso del Tufo e, seguendo a piedi il sentiero del PAOO, la Necropoli di Cannicella. Raggiungete il Fanum Voltumnae, in località Campo della Fiera, per passeggiare tra i resti emersi di una città romana, anche con una suggestiva visita notturna, ma solo tra metà luglio e fine agosto, poichè negli altri periodi il sito viene coperto a scopo conservativo.

E se siete in zona durante le feste di Natale... non perdetevi la visita al Presepe nel Pozzo, nel Pozzo della Cava.

I dintorni

Prima di rientrare, proseguite il vostro tour andando alla scoperta di altri due bellissimi borghi: Città della Pieve (a nord) e Todi (a est) che distano entrambi da Orvieto meno di cinquanta chilometri.

Per chi viaggia in camper
Area Attrezzata
Piazza della Pace (accanto alla funicolare che sale in città)
Tel. 0763.30.01.61
Servizi: acqua, corrente, pozzetto, servizi igienici.

 

Informazioni

IAT
Piazza Duomo
Tel. 0763.34.17.72
www.inorvieto.it
Orvieto underground
Tel. 0763.34.48.91 - 347.38.31.472

Come arrivare

Orvieto si raggiunge con la A1, uscita Orvieto. 

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Antichi sapori della Valle di Non

Tra le splendide montagne del Trentino, ritroverete il...

Leggi tutto

Pizzocchero d’Oro e Sapori d'Autunno a Teglio

L'autunno trasforma Teglio nella capitale della cucina valtellinese. Si comincia...

Leggi tutto

Festa della Polenta

Decine di combinazioni di piatti e menu per più di...

Leggi tutto

Mostra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato

Le terre del Montefeltro e i suoi sapori autunnali vi...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna