TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

L’Abbazia di Novacella

Spiritualità e degustazioni di vini in Val d’Isarco

Siamo proprio a un "passo" dal Brennero per usare un simpatico gioco di parole, tra Bressanone e Fortezza, nella valle dell'Isarco che allunga dall'Alto Adige verso l'Austria. Tutt'intorno un panorama fatto di prati e vigneti con al centro l'abbazia di Novacella.

La storia del complesso monastico

Fondata nel 1140 dal beato Hartmann, con più di 850 anni alle spalle, l'Abbazia dei Canonici Agostiniani di Novacella è un centro conventuale ancora molto attivo che gestisce più di 20 parrocchie. Il periodo di massimo splendore e fioritura culturale risale tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo come testimoniano i sontuosi altari realizzati per la chiesa abbaziale e l'imponente coro tardo-gotico. Nel Seicento i lavori proseguirono con l'ampliamento del chiostro e dei giardini; dal 1735 al 1744 la chiesa medioevale fu trasformata in pieno stile tardo-barocco e dal 1771 al 1778 ci fu il completamento della biblioteca.
La secolarizzazione all'inizio dell'Ottocento fu un duro colpo per l'abbazia di Novacella che fu reinvestita dei propri diritti e dei propri beni, anche se ormai ridotti all'osso, nel 1816; solo verso la fine dell'Ottocento la situazione economica migliorò. Occupata stabilmente dai soldati nella grande guerra, venne pesantemente bombardata durante il secondo conflitto mondiale e il restauro definitivo si è concluso nel 1982.
Inserita come una delle 12 mete della Culturonda, oggi l'Abbazia di Novacella è considerata un polo turistico importante per la regione grazie al Convitto istituito nel 1971, al Centro Convegni che offre percorsi di formazione in vari campi dalla salute all'enologia, e alla struttura conventuale vera e propria.

La visita dell'Abbazia di Novacella

Oltre la cappella di San Michele, una rotonda di epoca romanica più conosciuta come Castello dell'Angelo, si apre il complesso abbaziale; prima di muovervi verso gli interni, fermatevi ad ammirare il bel pozzo delle Meraviglie, al centro del cortile principale, sovrastato da un'edicola ottagonale. Tripudio di barocco bavarese e rococò, la Chiesa della Madonna vi sorprenderà per la quantità di luce naturale che filtra; l'esterno è opera di Giuseppe Delai mentre l'interno ospita dipinti, stucchi e affreschi di Matthäus Günther e Anton Gigl. Il chiostro adiacente è un mix di stili: romanico, nella struttura, e gotico nelle volte; un luogo di pace e di assoluta meditazione. Nella pinacoteca sono raccolte otto tavole con le storie di Sant'Agostino, due altari gotici attribuiti a Friedrich Pacher e alla sua scuola, oltre a preziosi manoscritti, oggetti liturgici, strumenti scientifici e musicali.
Ma il vero gioiello dell'Abbazia di Novacella è la biblioteca, allestita su due piani, con circa 92 mila volumi tra opere a stampa, in gran parte a carattere scientifico e teologico, manoscritti e codici miniati. La sala principale realizzata da Antonio Giuseppe Sartori nel 1773 è un vero capolavoro del rococò.
La visita non può dirsi completa se non vi perdete tra le splendide fontane e aiuole fiorite del giardino storico; si tratta della parte barocca delimitata da un'imponente sequoia e due alberi secolari di Ginkgo biloba. Un lungo pergolato d'uva lo separa dall'area riservata alle oltre 75 specie di piante aromatiche e officinali, dalla comune erba di San Giovanni al timo della Giamaica. Nel giardino trovano infine posto due costruzioni storiche, la voliera praticabile e il piscinum, l'immancabile stagno di pesci.

Ora et labora...e gusta!

La Cantina dell'abbazia produce da anni ottimi vini che potete degustare insieme a grappe, succhi e tisane nell'Enoteca all'entrata del complesso. Oltre a quelli locali si possono assaggiare altri prodotti enogastronomici provenienti da più di cinquanta abbazie europee tra i quali le marmellate del monastero di Stams e l'olio d'oliva dell'eremo benedettino di Rocca del Garda, il cioccolato dell'Isola Caldey, i biscotti delle suore del monastero di St. Hildegard di Rüdesheim e i saponi del convento benedettino Ganagobie.

Informazioni utili

Complesso monastico:
visite guidate, a partire da 10 persone, dal lunedì al sabato,  alle ore 10.00, 11.00, 14.00, 15.00 e 16.00;
da Pasqua a fine ottobre, alle ore 11.00 e alle 15.00 sono possibili visite anche con meno di 10 persone (posti limitati).
Ulteriori visite guidate sono possibili alle ore 12 da metà luglio a metà settembre.
Prezzi: 9 € persona singola, 7 € in gruppi a partire da 10 persone, bambini 4 €.
Cantina:
dal lunedì al sabato, dalle ore 10.00 alle ore 19.00
Enoteca:
dal lunedì al sabato, dalle ore 9.15 alle ore 18.00

 

Informazioni

www.abbazianovacella.it

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Sagra della Nocciola Piemonte IGP

Torna la fiera gastronomica di Cortemilia che. per il sessancinquesimo...

Leggi tutto

Festa Patronale di Sant'Oronzo

La profonda devozione al santo regala giorni intensi di festeggiamenti...

Leggi tutto

Festa dello Gnocco Fritto e della Birra

A Belforte, in provincia di Mantova, quattro giorni totalmente dedicati...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna