TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Al Biotopo Lavini di Marco

Passeggiata nell’area protetta più interessante di Rovereto, dove sono state scoperte misteriose impronte preistoriche!

Sulle montagne di Rovereto, in quella che era un'antica palude furono impresse le impronte di un gruppo di dinosauri che da allora meravigliano e rendono unica questa passeggiata.

I Lavini di Marco, vicino a Rovereto, in Trentino, sono sicuramente tra quei luoghi magici in grado di affascinare. Qui, oltre 200 milioni di anni fa, dinosauri di grossa taglia lasciarono traccia del loro passaggio. Le "piste dei dinosauri" sono visibili su un colatoio di oltre 200 metri di lunghezza, divise in due gruppi.

Il Biotopo comprende infatti due piccole zone umide, il "Laghet grant" e il "Laghet picol", che colmano due doline in un'area caratterizzata dai depositi di materiali franati dal Monte Zugna.

Per raggiungere il percorso appositamente predisposto e tracciato che consente di raggiungere le impronte, si può lasciare l'auto al parcheggio della Grotta Damiano Chiesa (520 m) per scendere al tornante a destra, dove si abbandona la strada per imboccare a sinistra uno sterrato, segnalato da un cartello.

Da qui il passo verso i Lavini di Marco è davvero breve. In circa 10 minuti di cammino, infatti, appare, a sinistra,  l'enorme lastrone su cui sono rimaste le impronte dei grandi rettili.

Le più grandi misurano un diametro di 30-40 cm ed una profondità media che si aggira sui 10 centimetri. Questi dati, sommati all'ampiezza del passo superiore al metro, hanno consentito di risalire alla lunghezza del dinosauro, compresa tra i 5 e i 6 metri, e al suo peso, che oscillava tra 1 e 2 tonnellate! Ecco perché i dinosauri dei Lavini di Marco sono considerati dagli esperti i più grandi fino ad oggi documentati in Italia.

Oltrepassati i diversi punti di osservazione, corredati di pannelli esplicativi, si raggiunge un'altra mulattiera, posta un po' più in alto: seguendola verso sinistra, ci si porta al secondo gruppo di orme e quindi al tracciato principale che, ridiscende alla grotta e al parcheggio da cui si era partiti.

Per completare la visita, si consiglia di fare tappa anche al Museo Civico di Rovereto, dove è possibile ammirare la ricostruzione dei dinosauri che probabilmente hanno lasciato le loro impronte sul Monte Zugna.

 

  • Scheda tecnica
  • Dislivello
  • 150 m in salita / 100 m in discesa
  • Durata
  • 1 ora e 30 min
  • Difficoltà
  • Elementare

Informazioni

  • APT Rovereto e Vallagarina
    Corso Rosmini 6
    Rovereto (TN)
    Tel. 0464.43.03.63
    Tel. 0464.43.90.55 (per visite guidate)
  • Museo Civico Rovereto
    Borgo Santa Caterina 41
    Rovereto (TN)
    Tel. 0464.45.28.00
    www.museocivico.rovereto.tn.it

Come arrivare

Per raggiungere in auto Rovereto si segue l'autostrada A22. Dalla cittadina si continua per l'Ossario di Castel Dante, da dove si prosegue lungo la "Strada degli Artiglieri" fino al piazzale antistante la grotta dove, nel 1916, fu fatto prigioniero Damiano Chiesa: è qui che si trova l'ampio parcheggio da cui ha inizio la visita.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Visita Guidata alla Stazione Centrale e al Padiglione Reale

Arte e solidarietà vi aspettano nel capoluogo lombardo, l'ultima domenica...

Leggi tutto

Camelie Locarno

Nella vicina Svizzera, in primavera c'è una regione tutta da...

Leggi tutto

Fiera dell’Asparago di Mesola

L'asparago di Mesola sarà ancora una volta il protagonista indiscusso...

Leggi tutto

Beef & Snow

Tra le splendide montagne dell'Alto Adige, e più precisamente in...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna