TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Gita alla Grotta del Vento e all’Eremo di Calòmini

Curve e segreti della Garfagnana

Non solo antichi borghi in pietra e dorsali coperte dai boschi ai piedi delle Apuane. Una giornata insolita in Garfagnana, vi farà scoprire due piccoli tesori nascosti di questa terra per chi ha voglia di "pensieri divergenti": un eremo e una grotta. Due modi distinti per vivere il silenzio di queste vallate in due angoli altrettanto suggestivi ma lontani per vocazione.

L'Eremo di Calòmini può essere raggiunto in auto percorrendo la vallata alle spalle dell'abitato di Gallicano o a piedi da Calòmini, un pugno di case in pietra affacciate all'unica strada che le attraversa per sfumare verso il fitto del bosco; seguendo proprio questa mulattiera, scenderete a piedi per circa mezz'ora tra gli alberi. Molto più romantico ma leggermente faticoso specie in salita e sicuramente più complicato logisticamente perché le case di Calòmini, sono raggiunte da una strada piuttosto stretta e tortuosa (che richiederà poi svariati chilometri di altrettante curve per l'avvicinamento alla seconda tappa).

Edificato intorno all'anno mille in corrispondenza del luogo di un'apparizione Mariana a una ragazza del luogo, l'eremo con la bianca sagoma della chiesa settecentesca, contrasta sui toni caldi della parete strapiombante a cui è addossato. Oltre il cancello, nei pressi di alcune sorgenti, si trova la foresteria e, poco più avanti, la salita al santuario. L'antica sacrestia, che con tutta probabilità rappresenta l'origine dell'eremo, è scavata nella roccia come le celle dei frati, e la cucina. Nel periodo natalizio viene allestito un grande presepe nei sotterranei.

Tornati sulla strada principale si procede verso il fondovalle seguendo le indicazioni per la Grotta del Vento dove si arriva dopo qualche chilometro di curve. Scoperta proprio grazie all'aria che fuoriusciva da un piccolo pertugio, si narra fu esplorata per la prima volta da una bambina di quattro anni che ne percorse pochi metri e, ufficialmente, nel 1929 da Gruppo Speleologico Fiorentino del CAI. Fu attrezzata e aperta al pubblico dopo l'esplorazione del 1964.

Nei diversi ambienti sotterranei di cui oggi si conoscono oltre quattro chilometri di stanze e gallerie, si possono osservare stalattiti e stalagmiti, svariati tipi di formazioni, piccoli laghetti e profondi pozzi verticali. Il percorso è protetto da balaustre e l'escursione è adatta a tutti; vi si possono compiere tre differenti percorsi di altrettante lunghezze, da una a tre ore, sempre con visite guidate.

Per chi viaggia in camper
Area di sosta
Parcheggio antistante la Grotta del Vento gratuito notturno

Informazioni

  • Santuario eremo di Calòmini
    Località Eremo - Vergemoli
    Tel. 0583.76.70.03
    www.eremocalomini.com
  • Grotta del Vento
    Via Grotta del Vento, 1 - Fornovolasco
    Tel. 0583.72.20.24
    www.grottadelvento.com

Come arrivare

Dall'uscita Lucca dell'autostrada A11, si imbocca la SS445 che attraversa la Garfagnana sino a Gallicano; giunti in centro, seguire le indicazioni per Vergemoli o le indicazioni turistiche per la Grotta del Vento. Dopo circa 3 km lungo il torrente si svolta destra una stretta strada che porta all'eremo.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Pizza Festival Lombardia

La vera pizza napoletana sarà la protagonista indiscussa di otto...

Leggi tutto

Vales Fest

Fiumi di birra artigianale per gli amanti del gusto sano...

Leggi tutto

Sagra della vongola verace

Tre weekend per degustare tutte le ricette e le varianti...

Leggi tutto

Colico in cantina

Preferite il lago o la montagna? A Colico potrete approfittare...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna