TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

In Toscana tra i cipressi della Val d'Orcia

Un lungo weekend tra natura, sapori e relax

Un viaggio nella terra dei grandi vini di Toscana, da attraversare "dondolando" sulle colline tra i colori delle terre di Siena e il verde dei cipressi che non conosce stagione. E così, dopo un inizio a tutto relax nelle terme di Chianciano, ci si perde tra le curve della val d'Orcia, i vicoli di Pienza e Bagno Vignoni, fino a raggiungere Montepulciano e le cantine di Montalcino. Sedetevi in compagnia davanti a un buon bicchiere di Brunello e chiudete il giro sul Monte Amiata, perfetto per una giornata tra sport e natura, magari per smaltire le calorie di tutti gli altri giorni...

Inizio di relax alle terme di Chianciano

Si parte da Chianciano Terme, stazione termale fra le più famose d'Italia conosciuta per le sorgenti di Acqua Santa, Acqua Funicoli, Acqua Sillene e Sant'Elena. Non perdetevi le proprietà terapeutiche e, con questa scusa, concedetevi una giornata di dolce far niente per riequilibrare e rilassare il vostro corpo tra un bagno tonificante e una sauna. Tutto in un percorso, troverete 20 stanze ad attendervi; dalla piramide energetica al melmarium, per continuare con l'ice crash, le piscine con idromassaggi, quelle di acqua salina, le docce emozionali, l'aromaterapia, la cromoterapia, la musicoterapia, il percorso Kneipp e la stanza del silenzio interiore. Se tutto questo relax vi ha messo appetito potrete poi sfogarvi (si fa per dire), nella "stanza del gusto" con un menu a buffet con ricette a base di prodotti a km zero, freschi e gustosi.

Puntate quindi Montepulciano, a cavallo tra val d'Orcia e Valdichiana. Entrati nel borgo, oltre la porta al Prato, lungo la strada principale si affacciano palazzi antichi e cantine storiche dove gustare il Montepulciano. Superata la colonna del Marzocco si susseguono palazzo Avignonesi, palazzo Cocconi e palazzo Bucelli. La chiesa di Sant'Agostino, opera del Michelozzo (1396-1472), guarda via di Gracciano nel Corso, insieme alla torre campanaria di Pulcinella (XVI sec.) mentre, più avanti, si trova la casa natale del poeta rinascimentale Poliziano. Raggiungete infine piazza Grande, punto più elevato del paese, con il Palazzo comunale, che ricorda quello della Signoria di Firenze, il Duomo, eretto tra 1592 e 1630, palazzo Nobili-Tarugi e il rinascimentale pozzo de' Grifi e de' Leoni. Se avrete voglia di approfondire o conoscere meglio la storia del borgo, non vi resta che iniziare una visita al Museo Civico Crociani.

Da Montepulciano a Pienza

Lasciata Montepulciano andate verso Pienza. La città è frutto del sogno umanistico di papa Pio II, che vi nacque nel 1405. Rinascimentale, prese forma dalla trasformazione dell'antico borgo di Corsignano. Soltanto una parte dell'ambizioso disegno pontificio vide la realizzazione tra il 1459 e il 1464, quando morirono sia il papa sia Bernardo Rossellino, il suo architetto, che fu anche stretto collaboratore di Leon Battista Alberti.

Cuore del borgo è piazza Pio II, sulla quale si affacciano palazzo Piccolomini e la cattedrale (1459-62) dedicata all'Assunta. Il primo è chiuso sul lato meridionale da un giardino pensile con loggiato dal quale potrete ammirrea un fantastico sulla val d'Orcia. La cattedrale (1459-62) vi stupirà per l'imponente facciata in travertino e gli interni di ispirazione nordica, con tre navate di uguale altezza. Sempre su questa intima piazza si trova il Palazzo vescovile, all'interno del quale è allestito il Museo diocesano.

Procedendo a piedi passeggiate lungo corso Rossellino, che collega la porta al Prato con la porta al Ciglio, dividendo in due il borgo e, arrivato il tramonto, tuffatevi in Via della Rosa, Via del Bacio, o se siete romantici e in buona compagnia, Via dell'Amore; e arrivate alla passeggiata dove la luce scaldale facciate in mattoni delle case e delle mura, e aspettate che il sole scenda all'orizzonte.

Da Pienza a Bagno Vignoni

Il tratto compreso tra Pienza e San Quirico d'Orcia vi cullerà fra colline e filari di cipressi. San Quirico arriva in fretta; è un borgo antico che ha conservato quasi intatte le mura quattrocentesche e le sue 14 torri. Nel centro storico si trova la collegiata dei Santi Quirico e Giulitta (XII-XIII sec.), con i due ricchi portali laterali con bassorilievi e sculture. Accanto alla medievale Porta nuova, fate un giro agli Horti Leonini, i giardini all'italiana progettati da Diomede Leoni alla metà del XVI secolo. Nell'ex Palazzo pretorio ha sede il centro accoglienza del Parco artistico, naturale e culturale della val d'Orcia, un progetto per tutelare e valorizzare quest'angolo di Toscana di cui fanno parte anche Montalcino, Castiglione d'Orcia, Pienza e Radicofani.

Da San Quirico, passando per Torrenieri, si sale a Montalcino, famosa in tutto il mondo per il suo Brunello. Non rinunciate alla visita della Fortezza, baluardo senese teatro dell'ultima difesa contro le truppe imperiali di Carlo V e a una passeggiata all'ombra della sua torre con sosta, nemmeno a dirlo, in una delle numerose cantine del borgo.

Proseguendo verso sud, a Castelnuovo dell'Abate si svolta per l'abbazia di Sant'Antimo, perla del romanico toscano fondata da Carlo Magno nel IX secolo e tuttora centro di vita monastica. Immersa tra gli ulivi nel silenzio di una conca, fermatevi per una visita che racconta qualcosa di unico.

Se volete vedere tutta (ma davvero tutta), la val d'Orcia dall'alto, poco distante, sul minuscolo borgo di Rocca d'Orcia si staglia la fortezza di Tentennano (XII sec.), dalla cui sommità potrete godere di un panorama grandioso. Ancora in un fazzoletto di chilometri, andando verso San Quirico, lungo la Cassia, fate una breve deviazione verso ovest fino a Bagno Vignoni, una delle mete termali più suggestive della Toscana. Il minuscolo abitato si sviluppa tutt'intorno alla grande vasca d'acqua calda, di epoca romana, colmata dalla sorgente al suo interno. Le acque termali un tempo incanalate dalla vasca verso le terme romane erano destinate ad alimentare una serie di mulini disposti lungo il ripido pendio che digrada al fiume. 

Verso il Monte Amiata

Per raggiungere l'ormai inattivo vulcano dell'Amiata – su cui troverete impianti di risalita e piste da sci – salite a Castiglione d'Orcia, quindi, tra faggete, rocce e antiche miniere (oggi musei), si arriva ad Arcidosso, borgo medievale dominato dalla possente rocca degli Aldobrandeschi.
Siete ormai nel territorio del Parco faunistico del monte Amiata, ispirato ai wild park tedeschi dove,  tramite un sistema di sentieri e strutture di avvistamento, potrete osservare le specie tipiche dell'Appennino centrale senza nessuna barriera tra voi e gli animali.

L'itinerario prosegue fino a Piancastagnaio e poi sale ad Abbadia San Salvatore, arroccata a 822 m di quota sulle pendici orientali dell'Amiata. Il nucleo storico di quella che oggi è una vivace meta turistica e di sport invernali è costituito dall'abbazia – benedettina prima e cistercense poi – fondata nel 743, nel medioevo tra le più potenti della Toscana. Lungo via Hamman, durante la bella stagione si può decidere per un'escursione tra i boschi di faggi fino al rifugio Cantore (1420 m), dove partono i sentieri per raggiungere a piedi la vetta del monte (1738 m), ma anche le sciovie per arrivare, in inverno, sulle piste da sci. 

camper}Per chi viaggia in camper
Area attrezzata
Chianciano Terme
camping di Chiusi e Chianciano Terme,
via Case Olivo 48, località Macciano
Tel. 349.835.56.17, 333.130.05.65
Servizi: acqua, scarico, servizi igienici, docce, servizio navetta

Pienza
Aree di sosta
nel parcheggio pubblico fuori le mura
Servizi: acqua, scarico

Montalcino
Aree di sosta
via Osticcio, dopo la pineta a sinistra
Servizi: acqua, scarico

San Quirico d'Orcia
Aree di sosta
area comunale all'ingresso del paese, a 600 m dalla SS2
Servizi: acqua, scarico

Bagno Vignoni
Aree di sosta
all'ingresso del paese, prima traversa a destra; segnalazioni sul posto

 

Informazioni

www.valdorcia.it

www.parcodellavaldorcia.com

www.chiancianoterme.com

www.monte-amiata.eu

 

Come arrivare

Chianciano, tappa iniziale del nostro itinerario, si raggiunge percorrendo l'autostrada A1 fino all'uscita Chiusi-Chianciano. Da qui si prosegue lungo la SS146 fino a destinazione.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Fiera Agricola Zootecnica Italiana

Bovini da latte e razze equine, macchine, attrezzature agricole e...

Leggi tutto

Enogastronomica

Sarà un gustoso weekend "made in Toscana" quello che vi...

Leggi tutto

Fiera degli Obej Obej

Una lunga tradizione accompagna il mercatino che anticipa le feste...

Leggi tutto

CioccoVisciola di Natale

Un weekend dedicato al matrimonio tra cioccolato e Visciola, è...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna