TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

I Monti della Daunia

Sotto la visiera, il vento

Colli tondi o addirittura piatti come tanti piccoli altopiani spuntano quasi improvvisi dal Tavoliere di Foggia. Fresco nelle brevi giornate invernali o bollente in estate, il vento vi soffia senza tregua. E disegna il fascino autentico della Daunia.

Dove siamo

I Monti Dauni occupano l'unica zona montana della Puglia. Un territorio interno della provincia di Foggia, integro e affascinante con un eccezionale valore storico e paesaggistico che conserva, tra l'altro, sapori unici.

Anche se questi rilievi sono forse l'area meno nota di questa regionelimitare l'interesse al Gargano, al Salento o, comunque, al mare, sarebbe decisamente un errore. I Monti della Daunia sono tanto "nascosti" quanto ricchi di storia e tradizioni da indurre chi si trova a passarvi, a restare per un po'. Le indicazioni stradali forse non abbondano, ma ci si orienta facilmente: i paesi spiccano da lontano, ognuno sul proprio cocuzzolo e vien voglia di raggiungerli tutti.

Un giro tra i borghi

A partire da Lucera, il più antico della Capitanata, ovvero quella terra che appartenne già al Regno di Sicilia, poi a quello di Napoli, il viaggio è uno zigzagare tra dirupi e dolci colline, tra il silenzio delle foreste di querce e faggi e la quiete delle atmosfere paesane, tra torri castelli e chiese, poi uliveti e campi di grano cullati dal vento.

Se volete scorpire i luoghi di fede, non perdetevi per esempio la visita a  Bovino, con l'antica chiesa di San Pietro, che unisce una rara bellezza alla suggestiva semplicità del suo stile romanico. Poi fermatevi a Castelnuovo della Daunia per visitare la Chiesa Matrice di Maria Santissima della Murgia, risalente al XII secolo, in cui troverete un magnifico ciborio in pietra del 1532 e un organo del 1600. Quindi non perdete un passaggio di fronte alla Basilica Cattedrale di Troia che, dal 1093, uno dei massimi esempi del romanico pugliese con lo splendido rosone incastonato nella facciata di pietra chiarissima.

Se preferite spostarvi tra torri e castelli non avete che l'imbarazzo della scelta: quasi ogni borgo ne vanta uno, molti dei quali sono visitabili. Tra questi, quello di Deliceto, monumento nazionale, la cui costruzione iniziò in epoca longobarda, e quello di Sant'Agata di Puglia, di origine romana, poi rimaneggiato nelle epoche longobarda, normanna e sveva.

Inseguite il filo della storia dei Romani tra i resti presenti: a Sant'Agata lungo il ponte costruito all'epoca sul fiume Calaggio, che nei secoli ha deviatoio suo corso; a Lucera nell'anfiteatro risalente al I secolo a.C. con due magnifici portali d'ingresso in pietra di Apricena; e sulle sponde del lago di Occhitto, tra gli ambienti di una villa romana di cui restano ancora intatti alcuni mosaici pavimentali. E ancora, tra i ruderi monumentali dell'acquedotto romano sulla SP121 che da Bovino conduce a Panni o tra gli ambienti termali di una residenza privata ad Ascoli Satriano, di estensione straordinaria.

E se questo non bastasse, cercate le fontane, bellissime e presenti ovunque; i mulini ad acqua, i piccoli, ma ricchissimi musei etnografici e quelli archeologici. Memorizzate al vostro passaggio le indicazioni per le oasi, i boschi e le aree di interesse naturalistico: sono ottimi siti per fare una sosta e magari per uno spuntino al sacco.

Se siete un po' pigri o troppo stanchi dopo tutto questo girovagare, concentratevi sui sapori: nelle botteghe di paese la spesa è, di sicuro, a chilometro zero. Fatevi preparare un panino - il pane qui è l'orgoglio di ogni forno e riempie le strade della sua fragranza - con salumi derivati dal maiale nero dei Monti Dauni, una razza pregiata di suino locale; con il caciocavallo, più o meno stagionato, o con altri formaggi locali.

Poi godetevi le curve, su e giù dai colli, senza una meta precisa. Guardate il mare lontano e scegliete, per una volta, di voltargli le spalle...

  • SCHEDA TECNICA
  • Partenza
  • Foggia
  • Arrivo
  • Foggia
  • Lunghezza
  • 250 km.
  • Tappe
  • Lucera, Pietramontecorvino, Volturara Appula, San Bartolomeo, Alberona, Biccari, Troia, Orsara di Puglia, Accadia, Sant'Agata di Puglia, Deliceto, Bovino

 

Informazioni

Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Foggia
www.viaggiareinpuglia.it

 

Come arrivare

Per giungere a Foggia, tappa d'inizio del nostro itinerario, si percorre l'autostrada A1 fino all'altezza di Bologna da dove si prosegue poi sull'Adriatica A14, fino all'uscita di Foggia.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

+1 #1 Roberto 2015-06-01 10:46
Grazie per averci stimolati a inserire, nei nostri giri, questo bellissimo pezzetto di Puglia, di cui si parla poco, ma che offre tantissimo, per la bellezza dei borghi e del paesaggio.
Allungate di un giorno la vostra vacanza sul Gargano o nel Salento e ne resterete affascinati!
Father & Son su Vespa
Citazione

Sagre & eventi

A Pergola per le festività di Pasqua

Scaldate i motori e... via! Alla volta dei uno dei...

Leggi tutto

Pasquali a Bormio

Nel giorno di Pasqua, a Bormio, in Alta Valtellina, si...

Leggi tutto

Mostra Mercato di prodotti Agro-Alimentari e Artigianali

Tra le mura medievali del borgo umbro di Città della...

Leggi tutto

Foire de la Pâquerette

Se state pensando di trascorre le vacanze in Pasqua in...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna