TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Weekend al Parco Burcina

Il fine settimana in Piemonte? Può iniziare con una passeggiata nel Parco Burcina, al cospetto delle Prealpi Biellesi

Le Prealpi Biellesi si annunciano con un parco-giardino che esplode, in primavera, in caleidoscopiche sfumature. Una delizia botanica sbocciata da un'antica passione.

Se avete voglia di un'idea weekend che vi permetta di camminare piacevolmente senza sottoporvi a un trekking troppo impegnativo, scegliete una passeggiata all'interno della Riserva Naturale Speciale Parco Burcina "Felice Piacenza", un bosco-giardino sorto sull'omonima collina Brich Burcina, preludio alle sinuosità delle Prealpi Biellesi.

Il colle si fa notare, stagliandosi quasi isolato, tra montagne e pianura, appena a nord-ovest di Biella: da qui sembra quasi di toccare l'ambiente montano del Mucrone (2335 m) e del Monte Mars (2600 m), che domina più a sud gli estesi pascoli dall'anima gentile dell'alta valle del torrente Elvo.

Un puzzle naturalistico d'eccezione che certamente ha ispirato il fautore di quest'area protetta. Si chiamava Giovanni Piacenza, ed era un industriale laniero di Pollone che, attorno al 1850, mosso da una grande passione botanica, decise di acquistare l'intera superficie del Colle Burcina per realizzare uno straordinario giardino all'inglese.

A quell'epoca risalgono le prime piante nella parte bassa dell'altura – oggi diventate, come le sequoie giganti, monumenti arborei da ammirare, antiche sentinelle che testimoniano lo scorrere del tempo vigilando sul passo dei visitatori –, le tracce dei sentieri e il profilo di piccoli specchi d'acqua.

Ma è al figlio Felice che si deve il merito dell'inusitata bellezza del luogo: egli, continuando l'opera paterna per una cinquantina d'anni con il medesimo entusiasmo, fece realizzare l'incredibile conca dei rododendri, mettendo a dimora, inoltre, numerose e variopinte specie esotiche.

Dal 1935 il parco è di proprietà del Comune di Biella il quale, negli anni Cinquanta, si preoccupò della ristrutturazione, ampliando la rete viaria, realizzando un nuovo accesso con il ponte sul rio Vandorba, opera dell'architetto paesaggista Pietro Porcinai, e posando il busto di Felice Piacenza, scolpito in bronzo da Leonardo Bistolfi.

Alcuni avvenimenti salienti ne punteggiano la storia più recente: nel 1959 sono stati rinvenuti alcuni reperti archeologici (asce, spiedi, brocche in bronzo); nel 1967 un tornado ne sconvolse l'assetto; nel 1980 fu istituita l'odierna Riserva Naturale Speciale del Parco Burcina (per il 72% del Comune di Biella e per il 28% del Comune di Pollone) per preservarne le rarità botaniche e la fauna locale.

Ma il parco è un bosco o un giardino? Entrambi. Qui, infatti, le due unità paesaggistiche si fondono in un unico organismo che raggiunge, in questa sinergia, un equilibrio perfetto. Un'eccellenza, peraltro, che si rivela da subito, appena varcato l'ingresso dall'abitato di Pollone (602 m), imboccando la strada carrozzabile asfaltata, percorribile anche in mountain bike, che attraversa tutta l'estensione del parco.

L'itinerario si snoda sinuoso alternando tratti di marcata salita ad altri in falsopiano che conducono, lungo vie alternative, ai due punti più spettacolari dell'area: la conca dei rododendri (671 m) e la panoramica Torre Martini (820 m). Qua e là abitazioni di origine contadina (cascine Emilia, Bigatta, Filarmonica, Merlo, Lorenzo e Guglielmina), legate all'utilizzo del prato-pascolo, ed edifici ottocenteschi (Casa Blu, Casa Rossa e cascine Valferna Superiore e Inferiore), costruiti per la manutenzione del giardino ai tempi di Felice Piacenza, rammentano la cultura agricola nell'area biellese e valsesiana, conservando dettagli singolari: all'esterno si notano gli intonaci color pastello, gli affreschi sopraporta, gli sgocciolatoi e gli essicatoi per le castagne, mentre all'interno si trovano le stalle, le cucine con il cròtin per custodire i formaggi e le camere da letto precedute da un loggiato. Le case si inseriscono armonicamente in un disegno apparentemente casuale di macchie arboree e radure aperte da cui emergono alberi isolati.

Tanta è la biodiversità racchiusa in questo "piccolo" fazzoletto di 70 ettari: faggi, farnie, lecci, aceri, querce, castagni e betulle sono i protagonisti della parte boscosa del parco; il settore più paesaggistico racchiude, invece, le esuberanti fioriture di azalee, ortensie, crocus, magnolie, forsizie e camelie, interrotte talvolta da altissime conifere e numerose cultivar di sorbi, ciliegi e alberi dei fazzoletti. Senza dubbio, però, il regalo più bello che elargisce il parco è l'accordo di rosa, rosso, lilla e bianco dei fiori dei rododendri, accentuati dalla luce intensa del sole di maggio.

  • Scheda tecnica
  • Partenza
  • Pollone
  • Dislivello
  • 150 m
  • Difficoltà
  • facile
  • Periodo
  • sempre (fioriture da marzo a ottobre)

Dove mangiare per la famiglia
Ristorante Il Faggio
Via Oremo 54
Pollone (BI)
Tel. 015.61.252
www.ristoranteilfaggio.it

Dove dormire per la coppia
B&B Villa Tavallini
Via Benedetto Croce 32
Pollone (BI)
www.villatavallini.it

Per chi viaggia in camper
Area sosta Pollone
Via Felice Piacenza, di lato al parcheggio e all'ingresso del Parco Burcina

Informazioni

Parco Burcina "Felice Piacenza"
c/o Cascina Emilia
Pollone (BI)
Tel. 015.25.63.007
www.parcoburcina.org

Come arrivare

Da Milano o da Torino si imbocca l'autostrada A4 fino all'uscita di Carisio (da Milano) o di Santhià (da Torino), dove si procede sulla SS230 in direzione di Biella. Attraversata la città si seguono le indicazioni per Pollone (SP502) e il parco.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Sagra del bollito

Il Bollito Sandron Spaviron vi aspetta per due lunghi weekend...

Leggi tutto

Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi

Due weekend di novembre a San Giovanni d'Asso per scoprire...

Leggi tutto

Weekend di sapori e colori

Scoprite i colori magici delle colline di Umbria e Toscana....

Leggi tutto

Iscriz EVENTI

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna