TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Visita al Castello del Valentino

Connubio di grandeur francese e saperi accademici a Torino

A Torino, immerso nel verde dell'omonimo polmone, il Castello del Valentino si mostra in tutta la sua grandeur tanto voluta dalla Madama reale Cristina di Francia, giunta qui in sposa a Vittorio Amedeo I di Savoia. Fu proprio lei a chiedere al Castellamonte una ristrutturazione che richiamasse gli splendori della reggia di Versailles e così un'allure d'oltralpe si scorge nei tetti in ardesia delle torri, negli abbaini e nello schema del pavillon-système.

Da villa fluviale a Politecnico

Tutelato come Patrimonio dell'Unesco dal 1997 perché parte della Corona di delizie, il Castello del Valentino ha un nome strano che può far pensare a un che di romantico ma che più probabilmente è dovuto alla zona a valle dove sorge, "a vallantinum". Una storia di ampliamenti e alternanze d'uso per questa reggia torinese nata come villa fluviale nel Cinquecento, poi dimora reale e quindi sede nel 1858 della Sesta Esposizione nazionale dei prodotti di industria che gli valse la cancellata visibile tutt'oggi e una manica aggiuntiva laterale. Scuola Regia di Applicazione per gli Ingegneri ci divenne solo negli anni Sessanta dell'Ottocento e oggi è sede della Scuola di Architettura del Politecnico di Torino.

Il piano terra

Iniziate la visita dal cortile principale da cui si accede alla Sala delle Colonne, situata al piano terra e in origine spazio aperto che costituiva l'ingresso principale dell'antica villa fluviale. Se guardate dalle finestre vedrete il Po scorrere sotto perché qui si arrivava solo in barca e la peota reale, classica imbarcazione che ricorda il bucintoro veneziano ora esposta alla Reggia di Venaria, un tempo era custodita proprio qui. Lo spostamento dell'ingresso verso l'asse viario principale, che collega idealmente il Castello del Valentino alla chiesa di San Salvario e Porta Nuova, fu voluto solo in seguito. Sempre qui, su una porzione di muro al vivo potete leggere la data 1578 a testimonianza dell'antichità dell'impianto originario.

Il piano nobile e gli appartamenti reali

Proseguite verso il piano nobile salendo per lo scalone d'onore, ad attendervi il Salone d'onore destinato all'esaltazione del casato con soggetti di battaglie alle pareti, un maestoso trompe-l'œil e alcuni innesti successivi come il lampadario della metà del Novecento, in puro stile veneziano, e due targhe in ricordo degli allievi caduti durante la grande guerra.
Il Salone fa da raccordo ai due appartamenti reali, quello "dorato" destinato a Cristina di Francia e quello "bianco" del secondogenito Carlo Emanuele II di Savoia, entrambi con sei sale.
Preparate gli occhi, gli appartamenti di Cristina sono un tripudio di decorazioni! Per ogni sala un tema diverso e un lambriggio caratteristico: la sala dei gigli, la sala dei fiori e del Vallantino con stucchi dorati e un florilegio che recita la sigla CF, per alcuni indizio galeotto della passione segreta tra Cristina di Francia e Filippo D'Aglié, il piccolo gabinetto con un trompe-l'œil che ne dilata il pavimento, la sala dello zodiaco, con le allegorie dei quattro momenti del giorno e le quattro stagioni, la sala delle rose con una volta circolare che sembra sfondare il tetto e per finire la sala verde, dove tutto riporta alla memoria un periodo difficile per Cristina, la guerra con il cognato filospagnolo, avvenuta nel suo periodo di reggenza.
Dalle sale dorate si passa agli spazi "bianchi" e più spogli di Carlo Emanuele II di Savoia. Qui ogni stanza è decorata per insegnare qualcosa al futuro re: la sala della guerra, della negoziazione, delle magnificenze, della caccia con il piccolo gabinetto dedicato alle fatiche di Ercole e infine la sala delle feste e dei fasti in onore della madre.
Da qui potete uscire e riprendere lo scalone d'onore; il sottotetto, formato da una complessa orditura in legno, non è visitabile.

Informazioni per la visita

Il castello del Valentino si visita solo il primo e terzo sabato del mese con una guida. La visita dura circa un'ora e il costo è di 3,50 euro.

 

Informazioni

castellodelvalentino.polito.it

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Garda con gusto

Pietanza tipica di Riva del Garda, cittadina affacciata sulla sponda...

Leggi tutto

Volterragusto

La città etrusca fa festa con il tartufo bianco e...

Leggi tutto

Fiera del Riso Vialone Nano mantovano

Quasi venti giorni di festa e di gusto organizzati dalla...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna