TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

La Bocchetta di Altare

In moto dove si incontrano le Alpi e gli Appennini

Meglio conosciuta come Colle di Cadibona, la Bocchetta di Altare è quel luogo intriso di fascino, un piccolo punto sulla carta, dove finiscono le Alpi e cominciano gli Appennini. Un punto da cui partire - in qualsiasi stagione - per una scorpacciata di curve.

La meta è perfetta per quelli che non staccano mai la batteria alla moto, figurarsi sospendere l'assicurazione; per quelli che tengono il casco sempre pronto, che guardano il meteo il venerdì sera per il weekend. La Bocchetta è il classico giro breve, la sgroppata per togliersi la voglia, soprattutto nelle stagioni più rigide, appunto, quando un giorno di sole vede decine di bikers spuntare come lucertole e ritrovarsi sulle curve affacciate sul mare. Chi corre e chi va lento, chi si gode la "pausa sigarettina" e chi il panorama, chi si mette in scia e chi si accosta per lasciar passare gli altri...

Langhe, slow tour

A dire il vero, il Colle è una meta che invita più alla lentezza, che a correre: e non per il tanto discusso limite di velocità differenziato per le moto. Se si parte da Alba, dopo il primo lungo rettilineo, la strada si attorciglia in un susseguirsi di curve e cambi repentini di traiettoria tra i colli di Benevello e Càstino. Tutto attorno, il territorio delle Langhe entusiasma o commuove, a seconda che lo si affronti in estate, con le vigne al massimo della vegetazione, in autunno, quando la natura mostra la sua incredibile varietà di colori, o in inverno, quando i filari si rincorrono in una geometria nuda e perfetta.

Pausa foto!

Poi si incontra la Bormida; poco oltre, il centro di Cortemilia è spaccato a metà dal corso del fiume: di quà il borgo di San Michele, di là quello di San Pantaleo. A piedi, si percorrono le stradine lastricate tra le botteghe con graziose insegne in ferro battuto e le case in pietra di Langa. Così si scopre che Cortemilia è la capitale della nocciola, la Tonda Gentile, elemento principe per un tripudio di torte e dolci che si mostrano generosi nelle vetrine.
I noccioleti, infatti, avvolgono letteralmente la strada che corre verso sud; ma l'abbraccio dura poco. Quasi improvvisamente la strada si spoglia e sale. Un paio di ampi tornanti portano in quota fino ad aprirsi su un panorama di vastità inaspettata, con cime e cimette a perdita d'occhio. Il cambio di versante è di nuovo una sorpresa: sotto i tornanti si stende l'ambiente inconsueto del Parco Regionale di Piana Crixia, contraddistinto da spettacolari calanchi che si elevano bruschi dalla valle piatta. Un po' in disparte, ma facilmente raggiungibile, il "fungo" di Piana Crixia, costituisce la principale attrazione dell'area protetta. E, di nuovo, pausa foto!

Dov'è il Colle di Cadibona?

Poi, via verso Savona, a incontrare, finalmente, il Colle di Cadibona, quel punto geografico fissato nella memoria dalle prime nozioni di geografia elementare. Per trovarlo, occorre abbandonare la strada principale e cercare, ad Altare, la stradina nascosta in paese che fu l'antico passo. Altare merita una sosta per il curioso Museo del Vetro, all'interno di Villa Rosa, un interessante edificio Liberty.
Savona segna l'arrivo: si passeggia volentieri tra il nuovo porto turistico, modernissimo e i palazzi storici, ricchi di decori, bassorilievi e bovindi.
Per tornare alla base, la variante che da Piana Crixia si snoda lungo il torrente Spigno è una buona alternativa. Ci si spinge fino ad Acqui Terme, per una passeggiata nelle vie del centro fino alla Bollente, poi si guida verso Cortemilia lungo la Val Bormida di Millesimo.

Tra un sacco di sollecitazioni "di gusto"

A distrarre sono, infatti, i segnali turistici che indicano la Strada del Vino Astesana, la zona di produzione della Robiola di Roccaverano, per finire, di nuovo verso Alba, sulla via del famoso, pregiato tartufo.

  • SCHEDA TECNICA
  • Partenza
  • Alba
  • Arrivo
  • Alba
  • Lunghezza
  • 223 km.
  • Tappe
  • Cortemilia, Altare, Savona, Piana Crixia, Acqui Terme, Bubbio

 

Informazioni

www.langheroero.it 

www.museodelvetro.org

www.turismo.provincia.savona.it

www.langastigiana.at.it

www.turismoacquiterme.it

 

Come arrivare

Alba si raggiunge con la A21, uscita Asti Est o Asti Ovest, quindi con la SS231. L'itinerario si può attaccare da Acqui Terme che si raggiunge con la A26, uscita Ovada poi statale per Acqui, oppure con la SS30 da Alessandria.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

+1 #1 Roberto 2015-06-01 10:50
Non sono posti per correre... ma non per gli autovelox: troppi cartelli, troppe insegne invitano alle soste nelle cascine. Formaggi, pane rustico e vino sui tavoli di legno, al fresco. Io non riesco a resistere: faccio la spesa, ma non arriva mai a casa intera! Bellissimo giro antistress, antiafa, antidieta!
Consiglio!
Toroseduto
Citazione

Sagre & eventi

Pizza Festival Lombardia

La vera pizza napoletana sarà la protagonista indiscussa di otto...

Leggi tutto

Vales Fest

Fiumi di birra artigianale per gli amanti del gusto sano...

Leggi tutto

Sagra della vongola verace

Tre weekend per degustare tutte le ricette e le varianti...

Leggi tutto

Colico in cantina

Preferite il lago o la montagna? A Colico potrete approfittare...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna