TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Il Castello di Racconigi, antica residenza sabauda

A spasso nella villa di delizie dei Savoia

A meno di un'ora d'auto da Torino ma immersi in una straordinaria isola verde, la fastosa reggia e l'immenso parco di Racconigi raccontano le atmosfere felici delle estati sabaude, trascorse tra sfarzosi ricevimenti, gite in barca e battute di caccia.

l Castello di Racconigi e il suo parco, Patrimonio dell'Umanità UNESCO, non costituiscono solo una delle più belle regge del circuito delle Residenze Sabaude del Piemonte e del sistema Castelli Aperti del Basso Piemonte, ma anche un'oasi verde a pochi chilometri da Torino. 

Passeggiando tra il giardino e il parco... 

Nel giardino, firmato dal francese André Le Nôtre (archistar ante litteram la cui mente ha partorito i giardini di Versaille, tanto per capirci), ci si imbatte ad ogni passo in vivaci corsi d’acqua, miti laghetti, frondose grotte e superbi monumenti. E che dire del parco (170 ettari) dove un tempo si svolgevano le battute di caccia? Beh, per esempio che nel 2010 è stato eletto il più Bello d'Italia dalla giuria che presiede il Premio di Parchi e Giardini. O che ha fatto da set per film e fiction (indimenticabile la serie tv di Elisa di Rivombrosa). E che si può attraversare effettuando romantiche passeggiate in carrozza o a piedi fino alle Margherie, le abitazioni in stile neogotico dei marghé, i contadini, fornite di stalle, granai e magazzini. Era da qui che arrivavano le materie prime e gli ingredienti per imbandire i banchetti delle ricorrenze dei reali: pensate che per il matrimonio di Emanuele Filiberto con Caterina d’Este, nel 1684, dalle cucine uscirono ben 250 diverse portate per tutti gli invitati!  

… tra le cucine e gli appartamenti...

E sono proprio le cucine uno dei pezzi forti della visita all'interno del castello, enormi, lunghissime, allestite com'erano un tempo tanto da far quasi venire voglia di iniziare a impastare sui ripiani in marmo, aiutandosi con decine e decine di utensili, pentole, teglie, taglieri e ogni altra diavoleria da chef “reale”. Nelle sale del castello è invece tutto un tripudio di stucchi, affreschi e sontuosi arredi. Al primo piano si trovano gli appartamenti di rappresentanza, le sale cinesi, gli appartamenti principini (cui si accede attraversando la Galleria dei  Ritratti, oltre 3mila!), quelli del cardinale, del re e della regina. Mentre al secondo piano si va alla scoperta delle stanze di Carlo Alberto, di Umberto II e di Vittorio ed Elena.  

… fino a una sosta appetitosa

Terminata la visita, dalla piazza antistante la facciata meridionale potete passeggiare lungo il monumentale viale alberato voluto dal re Carlo Alberto. Oppure imboccare subito, sulla sinistra, Via Francesco Morosini per arrivare al cuore storico di Racconigi: qui fermatevi a sorseggiare un caffè sotto i portici di Piazza Vittorio Emanuele II, chiedendo che vi sia servito con un assaggio del Real Biscotto, a base di farina di mais e nocciole tostate. Poi proseguite la visita lungo Via Spada e quindi a destra su Via Piave per sbucare in Piazza Santa Maria, sulla quale affacciano la Chiesa di San Giovanni Battista, considerata il Duomo di Racconigi, e la Chiesa di Santa Maria Maggiore. Scegliete quindi il ristorante che fa per voi tra i tanti che si propongono lungo le viuzze del centro: nei menu spiccano Bollito Misto (lesso, cotechino, testina, lingua), servito con salse e contorni vegetali, Trippa e Cappone. Tutti prodotti secondo la filosofia Slow... 

E in campagna la scoperta continua...

Se però preferite soddisfare la ricerca di antichi sapori nelle cascine e tenute di nobili origini che punteggiano la campagna spostatevi nelle frazioni di Migliabruna Vecchia e Migliabruna Nuova, a Streppe e a San Lorenzo, alla Tenuta Berroni o a Cascina Stramiano, dove i bambini si potranno divertire osservando le cicogne (e i loro nidi sui comignoli) del Centro Cicogne e Anatidi. Agli antichi sapori abbinate infine la scoperta degli antichi saperi: seguite i canali, le cosiddette bealere, che alimentavano la florida industria della seta. Vi porteranno all'ex Setificio Manissero, monumento di archeologia industriale che racconta secoli di storia locale.

 

Informazioni

polomusealepiemonte.beniculturali.it

www.comune.racconigi.cn.it

www.cicogneracconigi.it

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna