TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Dalle gole alle grotte

Gita nel Parco della Gola della Rossa e di Frasassi

Ci si va per visitare le magnifiche grotte, ma si resta incantati dallo straordinario ambiente che le circonda, un'area protetta dove, dalle pozze solforose, voltando il naso all'insù, si può anche scorgere l'aquila.

Si sente spesso parlare di cuore verde di una regione, di un paese. Ognuno, poi, declina il cuore verde secondo la propria immaginazione: verde di folti boschi di faggi e conifere o, al contrario, verde di colli o pascoli ricoperti d'un mare d'erba. Il cuore verde delle Marche sta chiuso nel Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi e si traduce in un verde selvaggio e selvatico, che emana una magia quasi percepibile, talmente intatto che è habitat privilegiato dell'aquila reale, che da sempre nidifica sugli aspri costoni di roccia affacciati sul torrente Sertino.

Le pozze solforose

A disegnare il confine ovest del Parco, quasi a proteggerlo con il suo corso, è proprio il Sertino, le cui acque solforose formano, non molto lontano dalle grotte di Frasassi, graziose pozze incastonate tra la folta vegetazione. Attenzione, però: contrariamente a quanto si possa pensare, l'acqua è fresca, caratteristica che non le rende così gettonate. Al di là del piccolo slargo dove si può lasciare l'auto per scendere alle pozze, una ripida passeggiata a balconata sale all'eremo di Santa Maria Infra Saxa, suggestivo edificio in pietra ricavato in parte nella viva roccia. Gli amanti del genere possono accedere liberamente - e a proprio rischio - all'interno della grotta alle spalle dell'eremo, il cui fondo non è visibile dall'esterno e dove vivono centinaia di pipistrelli.

Le grotte di Frasassi

Appena più a valle, il Sertino compie il miracolo: le grotte di Frasassi. L'ecosistema di questo complesso ipogeo, che si è sviluppato a partire da sostanze minerali senza l'ausilio della luce, potrebbero giustificare forme di vita nel sottosuolo di altri pianeti: da qui l'interesse che queste grotte suscitano negli scienziati di tutto il mondo. Scienza a parte, le grotte si presentano a chi le visita come uno dei più spettacolari complessi carsici d'Europa, in continua evoluzione: grandiosa la Grotta Grande del Vento, suggestiva quella delle Candeline, due "chicche" di un percorso che si copre estasiati in circa 70 minuti.

Oltre le grotte

Poco distante dall'ingresso, nella piccola frazione di San Vittore alle Chiuse, spicca la graziosa, solitaria Abbazia di San Vittore delle Chiuse; accanto, il minuscolo edificio del Museo Speleo-paleontologico e Archeologico, conserva uno spettacolare ittiosauro risalente a 150 milioni di anni fa. Vale poi la pena di spingersi fino a Genga, intatto borgo medievale alto sopra un colle, dominato dal castello, e fino a Serra San Quirico, appena oltre la Gola della Rossa. Protetto dal Monte Murano, nella media valle del fiume Esino, il borgo è racchiuso da possenti mura caratterizzate dalle "copertelle", cioè i passaggi coperti arcati; lo splendido centro storico è ricco di chiese e di palazzi di rara bellezza: su tutti spicca la chiesa di Santa Lucia, gioiello barocco tra i più belli delle Marche e ricco di opere d'arte.

Uno spunto di...vino

Le Grotte di Frasassi si trovano a meno di 10 km da Sasso Ferrato, città del vino, e a una ventina da Matelica, patria del Verdicchio: mappe facilmente reperibili sul posto indicano le enoteche comunali, ben organizzate, e le cantine, dove infilarsi per una innocente degustazione e uscire con la borsa piena. A buon intenditor...

Per chi viaggia in camper
Punto sosta gratuito
Parcheggio La Cuna, (vicino alla biglietteria delle grotte)
Servizi: acqua, pozzetto, illuminazione

 

Informazioni

Grotte di Frasassi
il costo del biglietto e le informazioni sugli orari di accesso, diversi a seconda della stagione, sulle modalità di prenotazione on line e sui percorsi di visite speleologiche organizzate secondo gradi di difficoltà sono reperibili sul sito
www.frasassi.com

Parco Naturale Regionale delle Gole della Rossa e di Frasassi
Serra San Quirico
Tel. 0731.86.122
www.parcogolarossa.it

Come arrivare

La Gola della Rossa e le grotte di Frasassi si raggiungono con la SS76 Ancona-Roma, uscita Genga. Il casello della A14 di Ancona nord dista 42 km.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Antichi sapori della Valle di Non

Tra le splendide montagne del Trentino, ritroverete il...

Leggi tutto

Pizzocchero d’Oro e Sapori d'Autunno a Teglio

L'autunno trasforma Teglio nella capitale della cucina valtellinese. Si comincia...

Leggi tutto

Festa della Polenta

Decine di combinazioni di piatti e menu per più di...

Leggi tutto

Mostra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato

Le terre del Montefeltro e i suoi sapori autunnali vi...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna