TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Dalla Panoramica alla Gola

In moto tra le colline delle Marche

Pesaro e Urbino sono i due capoluoghi di una provincia che si estende sui colli. Le immagini sono pennellate di colore: dal blu del mare, al giallo vivo dei girasole; dalla pietra chiara delle architetture storiche al verde smeraldo del Candigliano, là dove si stringe nella Gola del Furlo.

Giornata di sole autunnale, di quelle che ti viene proprio voglia di metterti in moto, di quelle da non lasciarsi scappare prima del letargo invernale. Forse il mare? Si, ma anche curve e pendii. La Panoramica di Pesaro è a un passo da Riccione e odora, oltre che di mare, di "mutôr". Per imboccarla, (cercaela come Panoramica di San Bartolo), bisogna arrivare a Gabicce, sulla strada a ridosso della riva che sale a Gabicce Monte.

È lì che si sono sfidate, negli ultimi decenni del secolo scorso, generazioni di motociclisti, non ultimo il nostro campione mondiale. Ma la Panoramica non sembra fatta per correre; per quello c'è il vicinissimo circuito di Misano. La Panoramica è un posto dove fermarsi spesso a osservare; non sempre affacciata sul mare, guarda più volentieri le dolci gobbe dei colli sviluppandosi lungo la dorsale della falesia di San Bartolo, terrazza naturale che si affaccia a strapiombo sulle acque sottostanti, e unico rilievo che interrompe la piatta costa sabbiosa tra Ravenna e il Conero. Non perdete il punto panoramico più spettacolare, non lontano da Fiorenzuola di Focara, da cui si ammira una generosa porzione di costa.

I minuscoli centri abitati che si incontrano sono perfetti per fare tappa per un pranzo veloce. Per chi ha gambe, sono anche il punto dove lasciare la moto per scendere lungo ripidi sentieri e scalette, sulle piccole spiagge sottostanti, di sicuro mai troppo affollate. A Casteldimezzo ci si può staccare, invece, per una puntata a Gradara per visitare la fortezza medievale meglio nota come la rocca di Paolo e Francesca.
Pesaro merita un passaggio in città o, almeno, sul lungomare, dove si allineano i bagni eleganti che fuori stagione si trasformano in piacevoli locali di ritrovo.

Urbino, patrimonio Unesco

Poi si voltano le spalle al mare. Si guida verso Urbino lungo la valle del torrente Foglia; i colli tondi, coperti di grano in estate, mostrano in autunno le zolle nude, spezzate a tratti dai filari di vite ormai a riposo. La strada è un bel misto che si spinge veloce verso l'interno attraversando pochi, isolati borghi fino ai colli su cui spicca da lontano la città di Urbino. Il centro storico, protetto dall'Unesco è un concentrato di stili, dal Duomo neoclassico, al Palazzo Ducale che racchiude in sé tutto il Rinascimento italiano, alla casa di Raffaello, con molti dipinti del padre e gli arredi dell'epoca del celebre pittore. Per la ricchezza di edifici storici, musei e chiese, Urbino richiede almeno una intera giornata di soggiorno e, per non perdersi nulla, anche una buona programmazione delle visite.

Per chiudere in bellezza il giro, una meta attraente è costituita dalla Gola del Furloil punto in cui il fiume Candigliano, prima di gettarsi nel Metauro si stringe tra le rocce, dando vita a scorci di incomparabile bellezza. La gola si raggiunge sul tratto veloce e divertente della vecchia statale 73bis oppure guidando lungo la ripida e tortuosa provinciale che collega Fermignano ad Acqualagna. Per ritornare ad affacciarsi sul mare, la Via Flaminia porta velocemente a Fano in meno di 30 chilometri, toccando Fossombrone.

  • SCHEDA TECNICA
  • Partenza
  • Gabicce Mare
  • Arrivo
  • Fano
  • Lunghezza
  • 140 km.
  • Tappe
  • Gabicce Mare, deviazione a Gradara, Pesaro, Urbino, Gola del Furlo, Fano

 

Informazioni

www.parcosanbartolo.it

www.misanocircuit.com

www.autodromoimola.it

www.turismo.pesarourbino.it

IAT Pesaro
Viale Trieste 164, Tel. 0721.69.341
E-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IAT Urbino
Via Puccinotti 35, Tel. 0722.26.13
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come arrivare

Gabicce Mare, punto di partenza del nostro itinerario, si raggiunge con la A14 Adriatica uscendo a Cattolica e dirigendosi sul mare. Anche Fano, la tappa finale, si raggiunge con la A14, uscita Fano. In alternativa, per entrambe le tappe, si può guidare lungo la SS16 Adriatica.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

+1 #1 luigi 2015-03-31 20:34
sembra un percorso affascinante sia per la natura ma anche gastrnqmico io sono quello che si dice una buona forchetta ma purtroppo sto sistemando i denti percio lo scopriro piu avanti giugno :-x
Citazione

Sagre & eventi

A Pergola per le festività di Pasqua

Scaldate i motori e... via! Alla volta dei uno dei...

Leggi tutto

Pasquali a Bormio

Nel giorno di Pasqua, a Bormio, in Alta Valtellina, si...

Leggi tutto

Mostra Mercato di prodotti Agro-Alimentari e Artigianali

Tra le mura medievali del borgo umbro di Città della...

Leggi tutto

Foire de la Pâquerette

Se state pensando di trascorre le vacanze in Pasqua in...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna