TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Visita alla Rocca di Angera

Rotta sul Verbano, per scoprire il suo baluardo difensivo più affascinante

Alla scoperta della Rocca di Angera, una delle fortificazioni medievali meglio conservate del Lago Maggiore e della Lombardia.

Seguendo il solco del Ticino e abbandonando il polo urbano che raggruppa le città di Castellanza, Busto Arsizio e Gallarate, si passa il sipario delle Prealpi e si approda sulle rive di Angera, borgo affacciato su uno splendido golfo, in una posizione strategica molto ambita fin dalle origini. L'abitato ha addirittura un'origine preistorica, anche se furono i Romani, di cui fu importante vicus, a renderla un punto di passaggio cruciale tra la pianura e i passi alpini.

Nel corso del medioevo divenne dominio di diverse famiglie, ma fu senz'altro quella dei Borromeo a segnare per sempre la sua storia, soprattutto artistica e culturale. Palazzi e giardini accrebbero la bellezza di un luogo che nella collocazione geografica trovava già tutti gli elementi del suo fascino.

L'imponente Rocca edificata tra il XIII e il XVII secolo è il simbolo indiscusso della località. La sua torre castellana spicca robusta e imponente sopra il grande recinto merlato che racchiude quattro edifici, torre compresa, disposti intorno a un cortile, e offre ai visitatori la possibilità di contemplare dall'alto un panorama ineguagliabile su tutto il Verbano.

A ridosso di questa, alla fine del Duecento, Ottone Visconti fece costruire la Palazzina Viscontea, occupata, al primo piano, dalla Sala di Giustizia, il più spettacolare e rappresentativo ambiente della fortificazione. Al suo interno si possono ammirare preziosi affreschi celebrativi della signoria milanese. Della fine del Trecento è invece l'ala scaligera, mentre l'ala borromea venne realizzata tra il Cinquecento e il Seicento, coronando l'odierno impianto a U.

La rocca custodisce inoltre, al suo interno, due allestimenti museali: il Museo della Bambola, che espone un migliaio di esemplari tra pupazzi, giochi di legno, cartapesta e celluloide appartenuti alla famiglia Borromeo e incrementati da copiose donazioni, e il Museo della Moda infantile, con vestiti e corredi otto e novecenteschi.

Passeggiando sul lungolago alberato, con giardini fioriti che lambiscono le acque del lago, rimane ancora un particolare da notare: di fronte alle insenature di Angera c'è infatti una piccola isola, Partegora, circondata da canneti e ninfee dalla parte della terraferma.

Per chi viaggia in camper
Camping Città di Angera
Via Bruschera 99
Angera (VA)
Tel. 0331.93.07.36
www.campingcittadiangera.it

Informazioni

  • Agenzia del Turismo della Provincia di Varese
    Tel. 0332.28.61.63
    www.vareselandoftourism.it
  • Ufficio turistico di Angera
    Piazza Garibaldi 10
    Angera (VA)
    Tel. 0331.96.02.56

Come arrivare

Angera è raggiungibile in auto da Milano percorrendo l'autostrada A8, uscita Sesto Calende/Vergiate da cui si prosegue sulla Statale del Sempione sino a Sesto Calende; seguendo le indicazioni si percorre la SP69 che porta ad Angera. 

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Festa del Pesce

Per salutare la fine dell'inverno, a Forte Marghera, alle porte...

Leggi tutto

Benvenuto Brunello

Un lungo weekend in Toscana per dare il benvenuto alla...

Leggi tutto

Travel Outdoor Fest

Nel terzo weekend di febbraio, nei padiglioni della fiera di...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna