TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

In bici lungo i colli bresciani

Una fuga dalla città per rifugiarsi nella frescura delle colline della Franciacorta.

Nella campagna occidentale bresciana una pista ciclabile unisce la Leonessa alla storica Abbazia di Rodengo Saiano.

Con l'arrivo delle vacanze e dell'estate, il weekend è meglio passarlo lontano dai centri urbani. Fuggendo in auto dalla città il cambio di paesaggio e di clima è graduale e gradevole. Tanto più appagante quanto più la meta prescelta riesce addirittura a essere gentile: è il caso di Brescia, "leonessa" per carattere, ma "gattona" per quanto si lascia ammirare e quasi coccolare da chi, in bici, decide di intrecciare una passeggiata tra il centro storico e la zona dei colli.

Ancora meglio se poi alla comodità di parcheggiare fuori porta si aggiunge il fascino dell'avvicinamento alle colline lungo sterrati che immettono direttamente nel cuore del mondo rurale, con i suoi borghi in sasso, le cascine in mattone, i campi e i prati che seguono le ondulazioni del terreno.

Dal parcheggio di Rodengo Saiano, dunque, ci si dirige in bici lungo la pista ciclabile che attraversa la zona artigianale e procede sino all'Abbazia olivetana di San Nicola. Dallo splendido edificio, si imbocca la ciclabile sterrata in direzione Brescia. Sorpassata la località Sale di Gussago, piccolo borgo con case medievali e palazzi rinascimentali (notevole il Palazzo Caprioli) si entra in una zona residenziale e artigianale, sorpassata la quale si ritorna a pedalare fra i campi in direzione delle colline.

In località Fantasina, superato il centro ippico e la breve ma ripida salita, si può piegare a sinistra, attraversando la provinciale (attenzione al traffico!), e imboccando la mulattiera che, in salita, porta alla località Campiani.

In alternativa, si svolta a destra in discesa seguendo la ciclabile in direzione di Brescia. Procedendo lungo la pista che costeggia una strada urbana si giunge al ponte sul Mella. Da qui, dopo aver attraversato la strada (ancora attenzione al traffico), si prende a sinistra la ciclabile che costeggia il fiume e la si segue sino al ponte di Collebeato (ponendo cautela agli attraversamenti di due strade molto trafficate). Si volta a sinistra verso il centro del paese e, dopo la chiesa, a destra in direzione Cellatica. Superate alcune belle costruzioni, fra cui una villa settecentesca con un'imponente cancellata, inizia un tratto di meno di due chilometri con alcuni strappi che non devono impressionare in quanto non particolarmente lunghi.

Giunti alla sommità, in località Campiani, a sinistra si segue tutta la strada sino al culmine del Monte Picastello. Qui una superba visione della città e della Franciacorta affascina i ciclisti con viste che, nelle belle giornate, spaziano sino agli Appennini e al Monte Rosa.

Lungo il crinale si distinguono ancora numerose piazzole e gallerie di avvistamento aereo della Prima e della Seconda guerra mondiale. Proprio approfittando d'una mulattiera militare, si ridiscende velocemente verso la valle bresciana per ricongiungersi alla ciclabile della Franciacorta (in direzione Paratico).

Chi vuole, al valico in località Campiani può decidere per un'estensione sino al Santuario della Madonna della Stella. Da Passo, scendere in direzione Cellatica per duecento metri, poi a destra in Via Stella. Nel parco della villa a destra, si notano opere di scultori contemporanei (collezione privata). Dopo uno strappo iniziale su asfalto, la salita si attenua diventando sterrato. Dal santuario, dopo l'ampio parcheggio, si prende una mulattiera che scende sino alla Chiesa di San Rocco di Gussago. Attraversando il centro ci si ricollega alla ciclabile (direzione Paratico).

In località Torricella (vicino al centro Le Meridiane) una facile variante porta infine, seguendo la Via del Carretto, alla località Badia Bassa, dove si possono ammirare i fabbricati un tempo di un'antica abbazia vallombrosana. Dalla Badia si può aggirare la collina, seguendo in parte le vie Badia, Cucca e del Franzone, per ricongiungersi con la Via Torricella di Sotto alla ciclabile Brescia-Paratico.

Dove mangiare per la famiglia
Ristorante Abbazia
Via Brescia 81
Rodengo Saiano (BS)
Tel. 030.61.04.28

Dove dormire per la famiglia
B&B Alla Melagrana
Via G.B. Salvi 39
Rodengo Saiano (BS)
Tel. 030.68.10.059
Cell. 340.41.37.685
www.allamelagrana.it

Dove mangiare per la coppia
Ristorante Il Romanino
Via Stella 27
Cellatica (BS)
Tel. 030.27.72.763

Dove dormire per la coppia
B&B La Pergolina
Via Trieste 51
Gussago (BS)
Tel. 030.27.73.787
www.lapergolina.com

Dove mangiare per il gruppo di amici
Trattoria Marelli
Loc. Campiani
Collebeato (BS)
Tel. 030.25.11.472

Dove dormire per il gruppo di amici
Agriturismo Al Rocol
Via Provinciale 79
Ome (BS)
Tel. 030.68.52.542
www.alrocol.com

Informazioni

Comune di Rodengo-Saiano
Assessorato alla Cultura e Turismo
Via Castello 8
Rodengo-Saiano (BS)
Tel. 030.68.11.004/ 030.68.17.271

Come arrivare

Per raggiungere Rodengo Saiano in auto si percorre l'autostrada A4 Milano-Venezia fino a imboccare l'uscita Ospitaletto. Quindi si ignorano le indicazioni per il centro abitato e si punta in direzione di Iseo fino alla località di Rodengo Saiano, dove si trova la celebre abbazia.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Pizzocchero d’Oro e Sapori d'Autunno a Teglio

L'autunno trasforma Teglio nella capitale della cucina valtellinese. Si comincia...

Leggi tutto

Festa dell’Uva

Cinque domeniche di festa "in famiglia" vi aspettano a Settembre...

Leggi tutto

Salone del Camper

Con la fine dell'estate, torna immancabile l'appuntamento con il Salone...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna