TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Gita a Castelseprio

Mille anni e due tesori

Non sempre la storia si apprende sui libri. A volte basta una gita vicino a casa per imparare dove sono arrivati i popoli che hanno abitato le nostre terre e cosa ci hanno lasciato. Proprio come nel caso del borgo di Castelseprio, appartato angolo della Provincia di Varese, ideale per imparare e rilassarsi.

Nel Varesotto, lungo la strada per Busto Arsizio, si può visitare uno dei siti archeologici più importanti della regione, quello di Castelseprio, dal 2011 Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Lo si raggiunge con una breve passeggiata a piedi dall'abitato di Torba, in cui visitare le antiche spoglie dell'omonimo complesso monastico

Percorrendo il sentiero nel bosco si arriva alla radura che accoglie i resti archeologici, su un pianoro che domina la parte dell'alto-medio corso del fiume Olona, un tempo a difesa d'importanti vie di comunicazione che congiungevano le città di Como a Novara e di Milano al passo di Monte Ceneri (a nord di Lugano). Il sito fortificato fu fondato come baluardo difensivo contro le invasioni da nord ma, destino volle che proprio un popolo barbaro, quello longobardo, lo tramutasse nella capitale di una vastissima giurisdizione, che dalla Valle d'Intelvi si estendeva fino alle porte di Milano. Con il passare del tempo diminuì la sua importanza fino al termine del XIII secolo, quando fu espugnata e fatta radere al suolo da Ottone Visconti, con la sola eccezione degli edifici religiosi.

La cittadella fu riscoperta negli anni Cinquanta, quando gli scavi archeologici portarono alla luce i resti d'epoca romana dell'antico Castrum di cui oggi restano tratti delle mura e ruderi delle chiese: la Basilica di San Giovanni Evangelista, il Battistero a doppia vasca, entrambi del V-VII secolo, e la Chiesa di San Paolo, romanica. Grande mistero resta invece dalla funzione originale del corpo perfettamente circolare, oggi ridotto a raso terra, a cui è collegato il battistero.

Il monumento più importante è senza dubbio la Chiesa di Santa Maria foris Portas, edificio paleocristiano a navata unica con tre absidi, edificata prima del Mille, ma di datazione piuttosto incerta. Straordinario, per l'unicità come elemento di transizione tra arte classica, bizantina e medievale, è il ciclo di affreschi nell'abside centrale, del VII-VIII secolo e attribuiti a un artista di origine orientale.

 

Informazioni

Parco Archeologico di Castelseprio
Tel. 0331.82.04.38
www.castelseprio.net

Come arrivare

Castelseprio è raggiungibile percorrendo l'A8 (Autostrada dei Laghi), fino all'uscita di Solbiare Arno provenendo da nord o Cavaria se si arriva da sud. Da qui si prosegue sulla SP 20 in direzione di Carnago che si supera procedendo fino alla meta. 

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Perzenland e la Valle Incantata

A Pergine, in Valsugana, dal secondo weekend di novembre al...

Leggi tutto

Sapori d'autunno

Il borgo di Lavagna, piccola frazione del comune di Comazzo...

Leggi tutto

Fiera del Formaggio di Fossa

Tradizione e buon cibo sono alla base della festa che,...

Leggi tutto

Artigianato e dintorni

A Mariano Comense si respira già aria di Natale! Un...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna