TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Pietra di Bismantova

Nel cuore dell’Appennino alla scoperta di una montagna affascinante

Tra le vallate dell'Enza e del Secchia, dove i rilievi appenninici emiliani volgono al crinale di confine con la Toscana, c'è una pietra. Un monolite in arenaria che torreggia sui crinali circostanti elevandosi come creato da una mano bizzarra le cui dita hanno prima scavato il vuoto intorno e poi appiattito la cima. La sua statura non fa notizia ma la sagoma non manca di incantare.

Decisamente misteriosa da aver stuzzicato le fantasie di Dante che la cita nel Purgatorio, o quelle degli strateghi che progettarono il sistema difensivo dei Canossa realizzando sul pianoro sommitale una fortezza. Le mura crollarono perché si eresse nella vicina Castelnovo un fortilizio meno imponente ma più facile da raggiungere. Il piccolo altopiano tornò allora ai pascoli e al bosco.

Oggi è una delle montagne simbolo del Parco Nazionale dell'Appenino Tosco-Emiliano e una meta di riferimento per escursionisti e arrampicatori, anche per chi non vanta esperienza alpinistica. Dalla cima il panorama è ineguagliabile su tutti i rilievi circostanti e la sensazione è di trovarsi in un luogo di romitaggio, proprio come al sottostante Eremo stretto tra pareti strapiombanti.

Per una passeggiata si può partire da Piazzale Dante salendo la scalinata che guadagna la quota dell'ultimo tornante della strada di accesso all'Eremo e al vicino rifugio. Al termine della salita, pochi metri conducono al piccolo piazzale del tempio, dominato, come si diceva, da un anfiteatro roccioso decisamente suggestivo. Tornando al rifugio, si aggira l'edificio per una traccia prima pianeggiante e poi in salita fino alla base delle rocce. Tenendo a destra la parete di arenaria, ci si mantiene sulla mulattiera che ne percorre il perimetro fino ad una spaccatura, ben riconoscibile per la presenza di vegetazione. La fessura boscosa, molto ripida ma attrezzata con gradini, immette direttamente sul prato sommitale. Seguendo la traccia che costeggia i boschetti si continua fino a dove l'assenza totale di vegetazione lascia intuire il baratro.

La Pietra di Bismantova è tra le più complete palestre di roccia dell'Emilia Romagna. La consistenza è arenaria compatta e la parete si alza per oltre 100 metri. Gli itinerari si dividono in monotiri, vie lunghe, classiche e chiodate sportive; la sommità può essere raggiunta anche attraverso una via ferrata.

Per chi viaggia in camper
Area attrezzata
c/o gli impianti sportivi CONI
Castelnovo nè Monti                 
Servizi: acqua, pozzetto

Informazioni

www.appenninoeverde.org
www.parcoappennino.it

Come arrivare

L'autostrada più vicina è la A1 da cui si esce a Reggio Emilia per imboccare la SS63 dopo aver girato attorno alla città. La direzione da tenere è Castelnovo ne' Monti, seguendo poi le indicazioni per la pietra.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Giornata Europea dei Parchi

Grandi polmoni verdi di montagne o piccole aree di pianura,...

Leggi tutto

Mangialunga

Assaporate, è proprio il caso di dirlo!..., i paesaggi dell'entroterra...

Leggi tutto

Sagra dei Pici

Primo piatto tra i più celebri e richiesti nelle più...

Leggi tutto

Golosa Bike

Domenica in sella alla vostra due ruote a pedali, per...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna