TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Predappio: nella culla del Sangiovese, in terra romagnola

Un borgo tra storia e sapori

Non lontano dalla quiete delle terre toscane e dal verde delle Parco naturale delle Foreste Casentinesi, a pochi chilometri dalla vivace costa romagnola, Predappio – o più affettuosamente Prè così come viene apostrofata dai romagnoli –, ha due cuori: uno medievale di origine romana posto più in alto verso l'Appennino, e uno più a valle e di epoca di epoca mussoliniana.

Un giro nel centro storico

Partendo alla scoperta di questo borgo antico potrete comprendere i segni di un passato complesso; muovetevi verso Predappio Alta, il nucleo cresciuto attorno al castello medioevale, che dall'alto della propria fortificazione controllava la valle del Rabbi. Passeggiate fino a raggiungere le grotte, antica zona di estrazione dello zolfo, caratterizzata da stalattiti, acque sulfuree e roccia sedimentaria tempestata di fossili. Qui ha sede il famoso presepe artistico che ogni anno richiama in collina numerosi visitatori. Da qui scendete verso la parte nuova del borgo – oggi chiamata solo Predappio –, nata per volere di Benito Mussolini sui resti di Dovia, un insieme di piccoli nuclei abitati, frazioni e case sparse distrutti da una frana. L'impronta dell'architettura fascista è tutta qui: casa Becker, palazzo Caproni o ex palazzo dell'Aeronautica, edificio postelegrafonico, la caserma dei Carabinieri, l'ex casa del Fascio e dell'Ospitalità, la palestra, il palazzo della Sanità e il palazzo Varano con la scalea d'accesso, casa natale di Benito Mussolini.

Nei dintorni

Tutt'intorno a Predappio Alta vi stupirà la varietà di vegetazione arborea con castagni secolari di Barberino; a Monte Mirabello per diversi ettari si estende un bosco di pino nero nel quale crescono abbondanti i funghi e in varie località, vi potrete imbattere in alcuni alberi monumentali, in modo particolare roveri e roverelle. Anche la fauna è molto ricca e vi capiterà di avvistare caprioli, volpi, cinghiali e piccoli mammiferi, così come numerose specie di uccelli, alcuni dei quali rapaci.

Suggestioni: fiumi di Sangiovese e presepi viventi

In città sono organizzate visite guidate con tutor, se invece volete cimentarvi in qualche sport all'aria aperta, non avete che l'imbarazzo della scelta; passeggiate immersi nella natura lungo i sentieri del CAI, oppure cimentatevi in escursioni a cavallo o in mountain bike, in un paesaggio unico dalle peculiarità inconfondibili, un territorio preappenninico spesso solcato dai calanchi.
Ma Predappio è anche il regno del Sangiovese, un vino rosso robusto e deciso che vale la pena provare, magari in una delle tante cantine che punteggiano la zona o al tavolo di un ristorante come La Vecia Cantena d'la Pré.

Molti anche i momenti di folclore qui a Predappio tra le tante sagre e feste che richiamano l'attenzione di tutti come la sagra del Cinghiale, la Mototagliatella, un raduno di motociclisti e buongustai e "Predappio vive il Natale".
A Predappio Alta si svolge la festa della Mostatura con stand enogastronomici, seguita dalla tradizionale festa dei Vignaioli. Non perdete l'occasione infine di visitare il presepe nelle grotte della Solfatara, unico nel suo genere.

 

Informazioni

www.comunitaospitali.it

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Eroico Rosso Sforzato Wine Festival

A Tirano, potrete vivere un intero weekend alla scoperta delle...

Leggi tutto

Volterra A.D.1398

Audaci cavalieri, artigiani e mercanti, destrieri focosi, nobili, dame, popolani...

Leggi tutto

Le settimane sarde

Fate esplodere la vostra voglia di sole mare e relax,...

Leggi tutto

Weekend in e-bike alla scoperta della Marsica

A due passi da Roma, un "viaggio lento"  in bicicletta,...

Leggi tutto

Iscriz EVENTI

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna