TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

La Rocca d'Olgisio

Sulla cima di un poggio

Incastonata su una rupe rocciosa che domina i dolci declivi della Val Tidone, la Rocca d'Olgisio è una delle mete più affascinanti dell'entroterra piacentino.

Rimanda davvero alla mente il "castellaccio" di manzoniana memoria questo straordinario complesso fortificato, arroccato com'è in posizione dominante sui torrenti Tidone e Chiarone. Una collocazione che tradisce l'importanza strategica della fortezza, trovatasi spesso coinvolta in guerre di confine tra le potenze dell'Italia settentrionale. I primi dati certi risalgono al 1037, ma la leggenda affonda le sue radici nel VI secolo d.C.: pare infatti che il fortilizio fosse retto da un certo Giovannato, padre delle Sante Liberata e Faustina che, fuggite dalla casa paterna, fondarono in seguito il Monastero di Sant'Ambrogio a Como.

I Visconti e i Dal Verme

Notizie più attendibili ci parlano invece del dominio dei Visconti, in particolare di Bernabò, controverso sovrano passato alla storia tanto per la sua cultura quanto per l'arbitraria crudeltà della sua signoria. Fu il suo successore Gian Galeazzo a cedere la rocca al celebre capitano Jacopo Dal Verme, la cui famiglia ne rimase proprietaria per quasi cinque secoli. Sono le pietre stesse a parlarci di questo illustre passato, a mostrarci i segni di un tempo che sembra non essere mai trascorso: camminiamo tra mura che hanno visto dame e cavalieri, grandi condottieri e menestrelli che ne tessero le lodi. Le odierne visite guidate permettono di cogliere tutte le suggestioni del luogo, dalla storia all'arte, dall'architettura fino al rapporto con il paesaggio, senza dimenticare l'enogastronomia dei dintorni, impagabile qui come nel resto della regione.

La visita

Già dal viale d'accesso appare evidente la grandiosità del complesso, con i sei ordini di cinte murarie che lo rendevano quasi impenetrabile. Su­perate le fortificazioni militari, l'atmosfera cambia radicalmente, offrendoci uno spaccato di vita aristocratica che contrasta con l'immagine rude dell'esterno. Esauritasi la sua funzione difensiva, infatti, il castello divenne una raffinata residenza nobiliare, i cui ambienti regalano oggi come all'epoca un'impressione di eleganza e buon gusto.
Notevoli sono in particolare i camini finemente decorati, la taverna con volta in mattoni e alcuni spazi rustici di genuina bellezza.
La sala delle armi e la raccolta cappella chiudono con opposti accenti la visita alla rocca, insigne tappa di quello straordinario museo all'aria aperto chiamato Appennino Emiliano-Ro­magnolo

Le grotte

Usciti dal complesso ci accoglie un panorama mozzafiato che si apprezza soprattutto all'imbrunire, quando le prime luci delle case punteggiano una Pianura Padana travestita da cielo stellato. Stimolati da un simile spettacolo esploriamo la collina seguendo tortuosi sentieri recentemente riqualificati; si scoprono così le grotte della Rocca d'Ol­gisio, cavità naturali abitate in epoca preistorica e utilizzate anche dagli eroici partigiani della II Divisione di Piacenza. Le ricerche archeologiche hanno messo in mostra gradini scavati nella roccia, un altare sacrificale, un dolmen e persino un'incisione che raffigura un ramo con foglie. La visita può prosegue fino al borgo di Pianello Val Tidone, dove la Rocca Municipale del XIV secolo os­pita il Museo Arch­eologico della Val Ti­done: nelle tre sale troviamo reperti di epoca protostorica, romana e medievale che provengono da tutta l'area e ne documentano la storia degli insediamenti umani. Una presenza che dura da millenni, giustificata dalla generosità di una terra che sembra offrire agli abitanti e al visitatore una serenità che non ha prezzo.

Informazioni

Rocca d'Olgisio
Pianello Val Tidone (PC)
Tel. 0523.99.80.75
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.roccadolgisio.it

Comunità Montana Valle del Tidone
Nibbiano (PC)
Tel. 0523.99.30.46
www.cmvaltidone.it

Come arrivare

Percorrere l'autostrada A1 fino a Pia­cenza, da dove si segue la A21 in direzione Torino. Da Castel San Giovanni seguire le indicazioni per Borgo­novo Val Tidone e Pianello Val Tidone.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Visita Guidata alla Stazione Centrale e al Padiglione Reale

Arte e solidarietà vi aspettano nel capoluogo lombardo, l'ultima domenica...

Leggi tutto

Camelie Locarno

Nella vicina Svizzera, in primavera c'è una regione tutta da...

Leggi tutto

Fiera dell’Asparago di Mesola

L'asparago di Mesola sarà ancora una volta il protagonista indiscusso...

Leggi tutto

Beef & Snow

Tra le splendide montagne dell'Alto Adige, e più precisamente in...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna