TROVA LA META PER IL TUO WEEKEND

Alle Sorgenti Sulfuree del Lavino

Turchese, azzurro e verde acqua

Il parco attrezzato prende il nome dal corso d'acqua che nasce dalle risorgive ricche di solfati che gli donano un colore azzurro particolarmente acceso e brillante. Tra giochi per bambini e aree di sosta potrete passeggiare all'aria aperta, e scoprire qualche testimonianza di archeologia industriale.

Il Parco territoriale attrezzato del fiume Lavino è una tavolozza di colori vividi e cangianti in un ambiente naturale caratteristico nel verde d'Abruzzo. Acque azzurre e turchesi che sfumano al grigio e "splendono" tra i prati e gli alberi: le sorgenti sulfuree del fiume sono la vera particolarità dell'intero parco. Il loro colore così acceso è dato dalla presenza di solfati disciolti nell'acqua sorgiva che emerge da piccole polle del terreno, dando vita a stagni, ruscelli e laghetti che confluiscono in un unico corso d'acqua.

Flora e fauna

Boschi di pioppi, salici e sambuco coprono i quasi 40 ettari del parco, con estese zone di ginestre, biancospini e piante palustri come la canna o il giunco in prossimità del corso d'acqua. Anche le specie animali contribuiscono a "colorare" l'area protetta, istituita nel 1987: martin pescatore, ballerine gialle, gallinelle d'acqua, cardellini e usignoli di fiume sono in buona compagnia di ricci, volpi e faine anch'esse presenti nella zona.

Oltre a una natura spettacolare, il parco raccoglie testimonianze dell'azione dell'uomo che nel corso dei secoli ha impiegato l'acqua del fiume per alimentare una centrale o, attraverso la costruzione di canali e barriere, per irrigare i campi agricoli circostanti. Ma l'impiegi più affascinante lo vedrete arrivando al seicentesco mulino Farnese, funzionante fino a qualche anno fa, e che ci auguriamo possa tornare presto visitabile.

Passeggiando verso le sorgenti

All'ingresso del parco si trova un'area attrezzata con strutture e giochi per bambini e con tavoli e panche in legno per un pic nic all'aperto. A pochi passi troverete il primo laghetto e l'inizio del percorso che vi porterà alle sorgenti o al mulino. Si tratta di una passeggiata in piano su un sentiero nel bosco, davvero alla portata di tutti, gradevole anche in estate. Senza calcoare le varie soste, si cammina al massimo 30/40 minuti.

Il Parco non è recintato, pertanto l'ingresso è libero e non vincolato da orari. Per le visite guidate sono disponibili i volontari del locale circolo di Legambiente; il punto di partenza consigliato è l'abitato di Scafa.

 

Informazioni

Legambiente Parco Lavino
Via De Contra, 84
65027 Scafa (PE)
Tel. 0858.54.24.82
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.parcolavino.it

Come arrivare

Si percorre l'Autostrada A25, sia provenendo da Roma sia da Pescara, fino al casello di Alanno-Scafa, svoltando a sinistra in direzione Decontra, e percorrendo la SP65 per circa 4 chilometri fino a Scafa.

Tag dell'articolo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sagre & eventi

Festa del Pesce

Per salutare la fine dell'inverno, a Forte Marghera, alle porte...

Leggi tutto

Benvenuto Brunello

Un lungo weekend in Toscana per dare il benvenuto alla...

Leggi tutto

Travel Outdoor Fest

Nel terzo weekend di febbraio, nei padiglioni della fiera di...

Leggi tutto

Cerca vicino a te!

Trova sulla mappa la meta ideale per il tuo weekend

Cerca le mete vicino a te! Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Trentino - Alto Adige Veneto Friuli Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Puglia Lazio Basilicata Calabria Sicilia Sardegna